6 dicembre 2016

Ladispoli – È bufera dopo le dichiarazioni di Marco Nica

In merito alle affermazioni di Marco Nica, l’Amministrazione comunale ha dato mandato all’Avvocatura di valutare se ricorrono gli estremi per una querela. L’Amministrazione comunale ha rispettato le norme vigenti in tutti i passaggi amministrativi: le procedure in tema di rifiuti sono previste da leggi nazionali che vanno rispettate da tutte le aziende del settore.

Chi produce rifiuti speciali (che nel nostro caso sono dichiarati “assimilati”) può smaltire anche autonomamente sempre però nel rispetto assoluto delle norme previste nel Testo Unico dell’Ambiente.

Proprio in merito alla vicenda il delegato alla nettezza urbana Claudio Lupi ha rilasciato una lunga dichiarazione.

A tutto c’è un limite! È Nica lo ha ampiamente superato gettando fango sugli altri e ledendo l’interesse pubblico per interessi personali. Premesso che l’unico mio impegno in questo caso e quello di tutelare l’interesse pubblico, e che non sono mai passato in nessuna attività commerciale a promuovere alcun che, viceversa nel mio ruolo di delegato dove sono chiamato anche, a cercare soluzioni e dare risposte (compito probabilmente sconosciuto a Nica), ricevo spesso nel mio ufficio persone in cerca di chiarimenti, sulle modalità del servizio, alcune  a volte confuse da informazioni forviate messe in giro a doc. Il Nica non si limita più a fare allarmismo e ostruzionismo, ma adesso getta fango sul sottoscritto. (guadagnandosi inevitabilmente una querela).

Prima preannuncia un disastro ambientale con la partenza della raccolta differenziata. Poi incurante del fatto che questo disastro era solo nella sua mente, continua con la richiesta di un ordinanza contingibile e urgente per la messa in servizio di un impianto di stoccaggio rifiuti, senza considerare che qualora ci fosse stata la necessità il sindaco avrebbe dovuto fare l’ordinanza al gestore del servizio pubblico e non alla ditta da lui sponsorizzata.

A distanza di pochi giorni presenta un progetto per un impianto per la gestione dei rifiuti, questo allo scopo di ottenere dal comune le autorizzazioni per le quali il rilascio compete ad altri enti sovra comunali mediante il previsto iter. Poi inventa la difficoltà del gestore del servizio pubblico nell’espletare il servizio alle attività, tralasciando un particolare che le segnalazioni sulle eventuali criticità arrivano all’ufficio igiene integrata, dove non risulta alcuna lamentela in merito. ( forse si lamentano con Nica?). Sorvolando sulle altre innumerevoli invenzioni e passando alle ultime: “i commercianti devono pretendere il formulario da Massimi” o “Dove sono i formulari dei rifiuti speciali”. Ma Nica lo sa che Massimi è il gestore del servizio pubblico?

Lo sa Nica Che il comune ha assimilato i rifiuti speciali ? Lo sa Nica che il gestore del servizio pubblico è l’unico soggetto autorizzato al ritiro dei rifiuti all’interno del territorio comunale, “anche quelli speciali assimilati”, senza bisogno di emettere il formulario se non quando partono per il conferimento agli impianti?  Lo sa NIca che il comune è in regime di privativa? sa che cosa vogliono dire queste cose per altro basilari? Non sarebbe il caso di studiarsi almeno il “testo unico sull’ambiente”? Cercare di iniziare un impresa nel mondo dei rifiuti con queste metodologie e queste conoscenze è come voler fare il medico senza aver conseguito la laurea e la specializzazione, mettendo a rischio le persone che si curano.

Infatti nello specifico cosi facendo si mettono in difficoltà le attività che aderiscono al  progetto “imprenditoriale” da lui sponsorizzato, per esempio le attività di somministrazione che hanno aderito a mondo ecologico dove conferiscono l’organico e il secco residuo? visto che mondo ecologico non li ritira. Sono  stati messi a conoscenza  i produttori di rifiuto della loro responsabilità anche dopo la consegna alla ditta che li ritira? Un’ altra risposta che dovrebbe dare Nica è: perche lui con la sua attività di somministrazione, aderisce al servizio comunale, mentre “mondo ecologico” prende adesioni da altre attività di somministrazione?