6 dicembre 2016

Dio rinnova gli uomini: la Messa del Papa a Torino dopo la preghiera davanti alla Sindone

L’amore più grande, quello di Dio per gli uomini, è stato al centro dell’omelia pronunciata da Papa Francesco nel cuore di Torino, con sullo sfondo l’imponente profilo della Mole antonelliana. Il Papa – che prima della Messa ha pregato in Duomo dove ha guardato e si è lasciato guardare dalla Sindone – ha detto che “Gesù ci ama sempre, sino alla fine, senza limiti e senza misura”. Il suo amore – ha aggiunto – è fedele:

“E’ un amore che non delude, non viene mai meno. Gesù incarna questo amore, ne è il Testimone. Lui non si stanca mai di volerci bene, di sopportarci, di perdonarci, e così ci accompagna nel cammino della vita”.

Gesù – ha aggiunto il Pontefice – “ci ama tutti”, non si arrende nemmeno davanti alla nostra infedeltà:

“Gesù rimane fedele, anche quando abbiamo sbagliato, e ci aspetta per perdonarci: Lui è il volto del Padre misericordioso. Ecco l’amore fedele”.

L’amore di Dio è fedele e ricrea tutto, “fa nuove tutte le cose”. Ma per aprirsi al suo amore rigenerante, l’uomo deve riconoscere i propri limiti:

“Riconoscere i propri limiti, le proprie debolezze, è la porta che apre al perdono di Gesù, al suo amore che può rinnovarci nel profondo, che può ricrearci. La salvezza può entrare nel cuore quando noi ci apriamo alla verità e riconosciamo i nostri sbagli, i nostri peccati; allora facciamo esperienza, quella bella esperienza di Colui che è venuto non per i sani, ma per i malati, non per i giusti, ma per peccatori”.

“Sperimentiamo la sua pazienza, la sua tenerezza, la sua volontà di salvare tutti”. Ma quale è il segno – ha chiesto il Papa – che ci fa comprendere di essere uomini nuovi?

“Il segno che siamo diventati “nuovi” e siamo stati trasformati dall’amore di Dio è il sapersi spogliare delle vesti logore e vecchie dei rancori e delle inimicizie per indossare la tunica pulita della mansuetudine, della benevolenza, del servizio agli altri, della pace del cuore, propria dei figli di Dio. Lo spirito del mondo è sempre alla ricerca di novità, ma soltanto la fedeltà di Gesù è capace della vera novità, di farci uomini nuovi”.

L’amore di Dio è fedele, ricrea tutto ed è stabile e sicuro, come gli scogli che riparano dalla violenza delle onde. Dio – ha detto Francesco – è sempre accanto all’uomo, soprattutto nei momenti difficili:

“Di fronte all’uomo che grida: ‘Non ce la faccio più’, il Signore gli va incontro, offre la roccia del suo amore, a cui ognuno può aggrapparsi sicuro di non cadere. Quante volte noi sentiamo di non farcela più! Ma Lui è accanto a noi con la mano tesa e il cuore aperto”.

Citando poi le parole del poeta Nino Costa, il Papa – con voce commossa – ha ricordato come il popolo piemontese abbia radici solide:

“Gente che non risparmia tempo e sudore
– razza nostrana libera e testarda –.
Tutto il mondo conosce chi sono
e, quando passano… tutto il mondo li guarda”.

Chiedendo se oggi siamo saldi su questa roccia, che è l’amore di Dio, il Pontefice ha poi affermato che c’è sempre il rischio di dimenticare l’amore grande mostrato dal Signore. Anche noi cristiani – ha spiegato – “corriamo il rischio di lasciarci paralizzare dalle paure del futuro” cercando “sicurezze in cose che passano, o in un modello di società che tende ad escludere più che a includere”:

“In questa terra sono cresciuti tanti Santi e Beati che hanno accolto l’amore di Dio e lo hanno diffuso nel mondo, santi liberi e testardi. Sulle orme di questi testimoni, anche noi possiamo vivere la gioia del Vangelo praticando la misericordia; possiamo condividere le difficoltà di tanta gente, delle famiglie, specialmente quelle più fragili e segnate dalla crisi economica”.

Le famiglie – ha osservato il Papa  – hanno bisogno di sentire la carezza materna della Chiesa per andare avanti “nella vita coniugale, nell’educazione dei figli, nella cura degli anziani e nella trasmissione della fede”. Al termine della celebrazione in piazza Vittorio, il Santo Padre all’Angelus ha detto che la Sindone è l’icona dell’amore di Dio per gli uomini:

“La Sindone attira verso il volto e il corpo martoriato di Gesù e, nello stesso tempo, spinge verso il volto di ogni persona sofferente e ingiustamente perseguitata. Ci spinge nella stessa direzione del dono di amore di Gesù”.

Il Papa ha poi affidato alla Vergine Santa le famiglie, i giovani, gli anziani, i carcerati e tutti i sofferenti rivolgendo un pensiero speciale per i malati di leucemia nella Giornata nazionale contro leucemie, linfomi e mieloma. Maria Consolata – ha detto infine il Pontefice – renda salda la fede per essere “sale e luce” in questa terra benedetta. “Una terra di cui sono nipote”, ha concluso il Papa ricordando le proprie origini piemontesi.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5967 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.