6 dicembre 2016

Papa: disoccupazione è piaga sociale, uomo sia al centro dell’economia

Pope Francis arrives for his weekly general audience in St. Peter square at the Vatican, Wednesday, April 17, 2013. (AP Photo/Alessandra Tarantino)

La disoccupazione, piaga sociale che colpisce soprattutto i giovani; riportare l’essere umano e la giustizia al centro dello sviluppo economico. Questi i temi che Papa Francesco ha affrontato stamani nell’udienza ai membri della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro. Il saluto al Pontefice è stato rivolto dal presidente dell’organismo, Antonio D’Amato. Ce ne parla Giancarlo La Vella:
Papa Francesco affronta le tematiche più attuali legate al mondo del lavoro, un settore in cui la crisi economico-finanziaria ha creato diseguaglianze e disoccupazione, soprattutto giovanile:

“Soprattutto quest’ultima è una vera e propria piaga sociale, in quanto priva i giovani di un elemento essenziale per la loro realizzazione e il mondo economico dell’apporto delle sue forze più fresche. Il mondo del lavoro dovrebbe essere in attesa di giovani preparati e desiderosi di impegnarsi e di emergere. Al contrario, il messaggio che in questi anni essi hanno spesso ricevuto è che di loro non c’è bisogno”.

Si tratta – dice il Pontefice – di un sintomo di una disfunzione grave, che non si può attribuire soltanto a causa del livello globale e internazionale. Il bene comune – continua – non può essere raggiunto attraverso un mero incremento dei guadagni o della produzione, ma ha come presupposto imprescindibile l’attivo coinvolgimento di tutti i soggetti che compongono il corpo sociale:

“L’insegnamento sociale della Chiesa richiama continuamente questo criterio fondamentale: che l’essere umano è il centro dello sviluppo, e finché uomini e donne restano passivi o ai margini, il bene comune non può considerarsi pienamente conseguito”.

Questa è la portata sociale del lavoro: ovvero investire energie e capitali, per il coinvolgimento di tutti i soggetti che compongono il corpo sociale, in modo da stimolare l’intraprendenza, la creatività, l’impegno. Questo – dice ancora Papa Francesco – ha effetti positivi sulle nuove generazioni e fa sì che una società ricominci a guardare avanti, offrendo prospettive e opportunità, e quindi speranze per il futuro. Infine, il Santo Padre loda l’impegno della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro, che, oltre a mettere in evidenza il ruolo sociale dell’attività lavorativa, ne richiama la sua portata etica:

“Solo se radicata nella giustizia e nel rispetto della legge l’economia concorre a un autentico sviluppo, che non emargini individui e popoli, si tenga lontano da corruzione e malaffare, e non trascuri di preservare l’ambiente naturale”.

È veramente giusto – conclude Francesco – chi, oltre a rispettare le regole, agisce con coscienza e interesse per il bene di tutti, oltre che per il proprio, guardando alla sorte dei meno avvantaggiati e dei più poveri.

(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5967 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.