5 dicembre 2016

Roma – Divieto di fumo nei parchi, Pucci: “L’ordinanza previene il flagello incendi.”

Siamo molto contenti che l’opinione pubblica sia stata informata dai media dell’ordinanza antincendi emessa dal Sindaco, come ogni anno, in ottemperanza alle normative nazionali e regionali. Lo dico anche da ex-capo della Protezione Civile del Lazio: è assolutamente positivo che i cittadini siano allertati circa le norme di prevenzione di quel  vero e proprio flagello che sono gli incendi estivi. In tale quadro  rientra il divieto di fumo nei parchi e nelle ville, che riguarda essenzialmente i  luoghi nei pressi di sterpaglie e altro materiale infiammabile. Si tratta di un provvedimento a tutela della pubblica incolumità.” Lo afferma l’Assessore ai Lavori Pubblici e alla Protezione Civile di Roma Capitale, Maurizio Pucci in un’intervista a Radio 24. In una nota l’assessorato ricorda inoltre che tale divieto è  esplicitamente citato nelle norme regionali: in particolare   l’art. 91 del regolamento regionale 18 aprile 2005, n. 7, rubricato “Regolamento di attuazione dell’articolo 36 della legge regionale 28 ottobre 2002, n. 39 (Norme in materia di gestione delle risorse forestali) ove si legge:

Nel periodo a rischio di incendio è vietato:

a) accendere fuochi per l’abbruciamento di stoppie e residui di vegetazione, compresi quelli delle utilizzazioni boschive:

1) nei boschi di cui all’articolo 3 della legge forestale nonché nei terreni cespugliati, nei pascoli, nei prati, nelle colture arboree da frutto e da legno, nei terreni abbandonati;
2) nei bordi delle strade, di autostrade e ferrovie, nel raggio di meno di 100 metri dai boschi;

b) far brillare mine o usare esplosivi, usare apparecchi a fiamma o elettrici per bruciare metalli, usare motori e fornelli o inceneritori che producano faville o braci, fumare o compiere altra operazione che possa arrecare pericolo di incendio, salvi i casi di cui dell’articolo 92, comma 1.”.

Sul sito del Comune è possibile consultare tutti i documenti a riguardo,  comprese le ordinanze degli anni scorsi.