Milano, le scadenze della Tari



La Tari è la tassa rifiuti per i servizi di raccolta, trasporto e smaltimento/recupero dei rifiuti urbani.

La tassa si compone di una parte variabile, determinata dal numero degli occupanti, e di una parte fissa, ottenuta moltiplicando la tariffa per la superficie calpestabile.

Nel caso di occupazione temporanea non superiore ai 6 mesi nell’arco dello stesso anno, la TARI non è dovuta dall’affittuario ma da chi ha la proprietà dei locali o delle aree.

Esistono due tipologie di Tari:

TARI Casa – utenze domestiche
abitazioni, garage, cantine, posti auto ecc.
TARI Lavoro – utenze non domestiche
attività commerciali, industriali, artigianali, professionali, strutture pubbliche, onlus, ospedali, impianti sportivi ecc.
Non sono soggetti a tassazione:

locali con altezza inferiore ai 1,5 mt.
locali tecnici quali le cabine elettriche, i vani ascensori, i locali contatori ecc.
locali nei quali si producono in via continuativa e prevalente rifiuti speciali non assimilati, allo smaltimento dei quali provvedono a proprie spese i produttori dei rifiuti stessi
i balconi, le terrazze scoperte, i posti auto scoperti, i giardini e i parchi
le aree comuni condominiali di cui all’articolo 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva, come androni, scale, ascensori, stenditoi o altri luoghi di passaggio o di utilizzo comune tra i condomini.

Ricordati
Il cittadino e gli altri soggetti sopra indicati sono tenuti a dichiarare qualsiasi cambiamento della propria situazione abitativa, relativa agli spazi occupati, perché incide sulla tariffa TARI.

Ecco i casi principali:

se acquisti o affitti un appartamento/immobile devi presentare dichiarazione di nuova occupazione entro 90 giorni
se lasci il tuo vecchio appartamento/immobile devi presentare dichiarazione di cessazione occupazione entro il bimestre corrente. Se non lo fai, dovrai continuare a pagare la TARI anche per l’appartamento/immobile che non occupi più.
La dichiarazione di cessazione non deve essere presentata se nell’immobile rimangono utenze attive (es. luce, gas, acqua). Infatti in questo caso dovrai continuare a pagare la TARI.

Comunica le variazioni di metratura perché la modifica della superficie determina una variazione della TARI.

Comunica anche una variazione degli occupanti che non appartengono al tuo nucleo familiare anagrafico ma che convivono con te.

Ricordati che puoi controllare e integrare i dati catastali con l’applicazione online tariweb >>

Scadenze 2018
Le scadenze di pagamento della TARI 2018 sono differenziate e sono riportate all’interno dell’avviso di pagamento.

Puoi pagare la Tari 2018:

in una rata unica
​entro il 1° ottobre 2018
oppure in due rate:
prima rata entro il 31 luglio 2018
seconda rata entro il 31 ottobre 2018
Chi ha crediti relativi alle annualità 2013-2017 riceverà l’avviso 2018 in un secondo momento. All’interno dell’avviso verrà indicato l’importo relativo al 2018, decurtato da eventuali crediti residui.

In questo caso, si potrà pagare la TARI 2018:

in una rata unica
​entro il 30 novembre 2018
oppure in due rate:
prima rata entro il 1° ottobre 2018
seconda rata entro il 30 novembre 2018

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12734 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.