Il crollo di un ponte, la fine di un sistema?

liguria genova ponte morandi



Le immagini sconcertanti del crollo di Genova sono ancora impresse nella mente mentre la rabbia e la tristezza coabitano nel cuore. Quanto accaduto è un qualcosa che va oltre al caso fortuito ed alla cinica casualità legata alle tragedie su strada. 43 vittime sono l’infausto bilancio di un episodio che, a mio parere, è più del crollo di un ponte; a Genova è imploso anche il sistema di gestione che per anni ha umiliato la nostra nazione.

Nei giorni precedenti la disgrazia sono stato in Calabria e con il mio editore ho parlato per un’ora al telefono del fatto che più che di grandi opere, l’Italia abbisogna di piccole opere quotidiane, perché questa è una nazione dove l’ordinario non viene più garantito. Il diritto è diventato un’elemosina. Io ed Emanuele abbiamo convenuto che occorre garantire dapprima un minimo di servizi su tutto lo stivale per poi dopo vedere come impiegare le rimanenti risorse nella costruzione di grandi opere visto che, ad esempio, ancora oggi l’accesso alla rete non è uguale su tutto il territorio e che se ti ammali ad agosto sei fregato, in quanto i medici andati in ferie sono sostituiti solo con dei cartelloni di avviso di servizio sospeso.

Mai e poi mai avremmo pensato che in Italia non solo mancano infrastrutture degne di una paese moderno ma che addirittura quelle esistenti sono un qualcosa di letale.

Di Genova, però, sappiamo di chi sono le responsabilità e quello che segue è un piccolo promemoria:

– Renzi nella legge di bilancio del 2017 ha offerto ad Autostrade la possibilità di gestire il 40% dei lavori senza gare di appalto; controllore e controllato sono così lo stesso soggetto.

 

– Fra il 2011 e il 2016 l’aumento medio delle tariffe è stato del 14%; peccato che nello stesso periodo gli investimenti si sono dimezzati. Il pedaggio, quindi, è solo un’imposta e non il prezzo per un servizio ricevuto o una ricompensa per un investimento fatto.

– Ogni chilometro di autostrada rende circa 1,1 milioni di euro, senza contare i guadagni derivanti dalle attività commerciali presenti sulla rete autostradale.

– Il primo pensiero di Autostrade è stato quello di ricordare al governo l’ammontare delle clausole rescissorie; le scuse sono arrivate solo dopo giorni, forse perché impegnati nell’organizzazione di una sontuosa festa per il ferragosto. In rete qualcuno, forse con esagerazione, ha scritto “Cosa si aspetta da chi fa fare le maglie in India a certe condizioni?”.

 

Solo in Italia sono state affidate ai privati le galline dalle uova d’oro in cambio di quello che è sotto gli occhi di tutti.

Tra le cose tristi di questi giorni c’è che il contratto di concessione è segreto come se si trattasse di una fornitura militare. Perché occorre nascondere i termini di un contratto di concessione ai cittadini che, attraverso le loro imposte, hanno pagato la costruzione dell’infrastruttura oggetto della concessione? A pensar male si fa peccato, ma…

I Benetton, se non erro, attraverso una loro finanziaria, pagano le tasse in Lussemburgo.

Doveva essere effettuata la manutenzione, altro che fulmine caduto dal cielo.

Oliviero Toscani sostiene che gli italiani si sono incattiviti; ha pienamente ragione! Gli italiani hanno le scatole piene di essere derubati e truffati. A proposito, con quale maglia si è svegliato stamane?

Cosa vi fa pensare il fatto che il signor Gian Maria Gros-Pietro dal 1997 al 1999 è stato presidente del comitato di liquidazione dell’IRI (ex proprietaria della autostrade che nel 1999 la privatizza), e che dal 2001 al 2010 è stato presidente della società Autostrade? Ah, nel frattempo ha ricoperto altri incarichi tra cui quello di presidente del comitato scientifico di Nomisma, l’istituto di ricerca che fa capo a Romano Prodi, quello che ha s-venduto tutti i gioielli dell’IRI.

E’ un pizzico anormale tutto ciò, vero?

Non dimentichiamo che quelli che hanno scientificamente distrutto il pubblico sono gli stessi che si sono accaparrati i servizi privatizzati, con conseguente aumento dei costi per i cittadini e abbassamento dei salari e delle garanzie per i lavoratori; il tutto in nome del dio profitto. Privatizzare non significa, forse, fare più soldi pagando meno i lavoratori e abbattere i costi legati al benessere collettivo?

Più che passare ad un nuovo gestore occorrerebbe nazionalizzare, perché i settori strategici quali la sanità, i trasporti, l’energia e l’acqua devono rimanere in mano pubblica per essere davvero efficienti. I proventi di queste attività dovrebbero rifinanziare i servizi stessi. Purtroppo le privatizzazioni e le concessioni in Italia sono state fatte a vantaggio esclusivo dei privati. Canoni irrisori e contratti secretati, il tutto a favore dei soliti amici degli amici.

Dareste in concessione una vostra casa a chi la concederà, poi, in affitto a 1.000 euro al mese e vi girerà mensilmente solo 24 euro? E’ quello che ha fatto lo Stato con certi privati…C’è buona fede nei politici che hanno stipulato questi contratti? Guai a ricordare a quel pagliaccio dall’accento fiorentino che il suo partito, tra passato e presente, è stato il principale firmatario di queste schifezze. Meno male che gli applausi di Genova hanno fatto capire gli italiani da che parte stanno.

Se non fate la revisione alla vostra auto ogni 2 anni lo Stato, giustamente, vi multa. Cosa accadrà a chi da anni non “revisiona” le opere che ha avuto in gestione? Speriamo non finisca come certe storie italiane, ossia che nessuno pagherà per i danni cagionati.

Che dire, poi, di quei giornali che invece di fare luce sulle responsabilità di Autostrade criticano il Governo per alcuni selfie scattati? Premesso che non c’è nulla di male se Salvini o Di Maio si fanno fotografare dai cittadini, chi solleva queste critiche non si rende conto che è oltre la frutta, magari al canonico ruttino fatto prima di alzarsi da tavola? Ah, quei giornali nelle cui pagine è facile sfogliare pubblicità Made in Benetton. Gli stessi giornali che mentre scrivono di tragedia che cambierà il capitalismo, dimenticano che si tratta di una tragedia che ha cambiato in peggio la vita di migliaia di persone.

 

Per Piero Angela l’Italia è un paese morto poiché non ci sono punizioni per chi sbaglia e non ci sono premi per chi merita. Ha ragione anche quando sostiene che un paese così non può funzionare.

Spetta a noi italiani fargli cambiare idea e onorare chi ha perso la vita con il mandare in galera gli autori della tragedia genovese. A questi farabutti chiedo che paghino anche i danni d’immagine che hanno cagionato alla nostra nazione, in quanto all’estero è passata l’idea che camminare sulle nostre strade è pericoloso. Un paese che ha milioni di meraviglie da ammirare e che ha nel turismo una principale fonte di guadagno, non può rimanere inerte di fronte a chi ha sbagliato.

Nella patria del diritto occorre garantire con i fatti quelli di chi ha perso la vita solo perché transitava su un ponte. Guai a non scovare gli artefici di questi omicidi, perché se si è consapevoli che un’opera è pericolosa ma si rinviano i relativi interventi a dopo l’estate perché conta solo massimizzare i profitti, poche chiacchiere si è consapevolmente mandanti di morte.

Noi italiani non dobbiamo più accettare l’idea che un’alternativa a questa brutta realtà non sia possibile. Lo Stato siamo noi e tutto dipende e dipenderà dalle nostre scelte. Ritorniamo ad essere padroni non solo delle nostre infrastrutture ma anche del nostro futuro.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12777 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.