Fermiamo Cupinoro: “Fanno i conti senza l’oste”

cupinoro

La vicenda della Discarica di Cupinoro torna ad interessare le testate giornalistiche in seguito alla decisione del Commissario Straordinario, nominato dal Tribunale Fallimentare di Civitavecchia a gestire il fallimento della Bracciano Ambiente, di indire un’asta per l’acquisizione delle autorizzazioni a costruire l’impiantistica prevista. Ricordiamo  che si tratta della costruzione di un impianto TMB (trattamento meccanico “biologico”) da 130.000 tonnellate/anno e un impianto Biogas da 33.000 tonnellate/anno. I Movimenti e le Associazioni che da sempre si oppongono a tale progetto hanno ribadito con forza la loro contrarietà. Le Istituzioni, nelle persone del Sindaco di Bracciano, di Cerveteri e di Ladispoli, mantengono la loro posizione totalmente contraria, ma a noi sembra che manchi ancora una seria presa di posizione pubblica da parte della pricipale protagonista di questa storia: l’Università Agraria, proprietaria dei terreni su cui dovrebbero sorgere gli eco-mostri. Dalla documentazione in nostro possesso risultano essere state revocate tutte le concessioni in favore della Bracciano Ambiente, oggi fallita.

 

Lo rende noto Fermiamo Cupinoro

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*