Concorsi truccati, Codacons: prassi nota da sempre in tutti gli atenei

università più economiche

La vicenda dei concorsi truccati al centro di una inchiesta della Procura di Firenze, che ha portato all’arresto di 7 professori universitari per corruzione, induzione indebita e turbativa del procedimento amministrativo, è una prassi nota da sempre a tutti nel mondo accademico italiano. Lo afferma il Codacons, che ha seguito un caso analogo a Roma ottenendo giustizia in favore di una ricercatrice.
“Chi oggi, come il Ministro Fedeli, si scandalizza per i fatti di Firenze dimostra solo grande ipocrisia – spiega il presidente Carlo Rienzi – Nepotismo, favoritismi e corruzione sono all’ordine del giorno negli atenei italiani, già in passato sono stati portati alla luce scandali analoghi e chi è stato danneggiato ha ottenuto giustizia”.
Come il caso di una ricercatrice universitaria di agraria assistita dal Codacons la quale, nel lontano 1990, sostenne un concorso a La Sapienza per professore associato e venne ingiustamente bocciata. Ne scaturì un ricorso vinto sia al Tar del al Consiglio di Stato, dove i giudici riconobbero le gravi scorrettezze commesse dalla commissione esaminatrice, e un procedimento penale da cui emersero intercettazioni dal contenuto incredibilmente simile a quello portato alla luce dalla recente inchiesta di Firenze.
Ecco cosa diceva un professore ai propri colleghi per indirizzare il concorso in favore di alcuni candidati:
“PRIMA DI INIZIARE A LEGGERE QUESTA MIA VI SUGGERISCO DI STACCARE IL TELEFONO E DI CHIUDERE A CHIAVE LA PORTA DEL VOSTRO STUDIO. SI TRATTA DEL CONCORSO DI ASSOCIATO CHE VA AFFRONTATO CON IL MASSIMO IMPEGNO PER EVITARE SPIACEVOLI SORPRESE”;
“RITENGO CHE LA MIGLIORE STRATEGIA PER INDEBOLIRE IL ‘GRUPPO AVVERSARIO ‘ SIA QUELLA DI CHIEDERE AI COLLEGHI DEGLI STRATI B, C E D ANCHE UNA O PIÙ PREFERENZE. TUTTE LE PROMESSE VANNO POI VERIFICATE PUNTUALMENTE E CONTINUAMENTE CON INCROCI NON ‘SOSPETTI ‘”.
DATO CHE SE TUTTO VA BENE SARÒ IO A CONDURRE IL CONCORSO, PREFERISCO C. A G.”

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10090 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*