Nel II° Municipio i giovani commemorano Paolo Borsellino a 25 anni dalla strage

Domani alle 16.58 – ora della strage di Via D’Amelio – un incontro alla Meridiana di Piazza Bologna per ricordare e inaugurare il murales di Gojo dedicato a Falcone e Borsellino A 25 anni dalla strage di via d’Amelio, nella quale persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta, i giovani del II Municipio parleranno di mafia attorno alla Meridiana di piazza Bologna, dedicata ai magistrati Falcone e Borsellino e creata dall’artista Gabriele Altobelli, presente anche lui all’incontro.

Il momento di riflessione avrà luogo il 19 Luglio alle ore 16:58 ed è organizzato congiuntamente dall’Assessorato alla Memoria e dal Consiglio dei Giovani del II Municipio insieme all’Associazione Studentesca Sapienza in Movimento. “Riteniamo, sia giunto il momento di farci carico di ricordo di eventi che, seppur non ricordiamo per esperienza diretta, hanno profondamente cambiato la storia del nostro paese. Il contrasto al malaffare mafioso – afferma l’Assessora alla Memoria del II Municipio Lucrezia Colmayer – si basa su una forte alleanza tra cittadini ed istituzioni ma anche tra le giovani generazioni.

Il contrasto alle mafie avviene anche attraverso la riconquista degli spazi comuni, ed è questo l’obiettivo che ci poniamo, non solo in queste giornate d’impegno ma durante tutto il nostro mandato” Nell’occasione, verrà annunciato l’inizio dei lavori di restauro della Meridiana e verrà inaugurato il murales dell’artista Gojo che raffigura i due magistrati. “Quando venticinque anni fa fu assassinato Paolo Borsellino insieme a cinque agenti della sua scorta – ha dichiarato Lorenzo Sciarretta, Presidente del Consiglio dei Giovani del II Municipio – la maggioranza dei giovani che saranno in piazza per la commemorazione non erano nati, come non lo ero io. Ecco perché è indispensabile ricordare: perché uomini come Paolo Borsellino e Giovanni Falcone entrino nelle nostre menti e nei nostri cuori. Per non dimenticare il sacrificio loro e di tutte quelle donne e quegli uomini che hanno dato all’Italia la forza di reagire alla mafia.

Come commemoriamo la Resistenza, così dobbiamo commemorare loro e coloro che, negli anni di piombo, si opposero al terrorismo. Solo nel loro ricordo potremo costruire un futuro fatto di democrazia, libertà e senso civico”. Venerdì 21 Luglio alle 21 l’appuntamento sarà nuovamente nei giardini di piazza Bologna per un confronto su nuove mafie e mafie locali insieme a Federica Angeli (giornalista), Francesca Danese (portavoce forum terzo settore del Lazio) ed i magistrati Guglielmo Muntoni ed Alfonso Sabella.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*