Viene Salvini a Ladispoli. A che fare? Adesso è facile!

Era una voce che girava, in maniera indiscreta, e che veniva sussurrata. Speravo, non fosse vera, in cuor mio. Perché i leader di livello nazionale non si sono affacciati a quaranta kilometri dal Campidoglio durante la campagna elettorale? O, al più, tra il primo e il secondo turno, come avrebbero dovuto e potuto, viste le dimensioni della nostra città? Forse a qualcuno sfugge, ma sull’importanza geografica, tra l’antica Centumcellae (Civitavecchia) e Fiumicino, scalo aereo internazionale di portata enorme, la crescita di Ladispoli sembra dia fastidio a più di qualcuno. Nel settore dell’Acqua gestita in loco, nel settore del Turismo, per cui se cresce la città unitamente a Cerveteri ci sarebbero rilevanti numeri per l’economia del posto e per il latente lavoro, soprattutto riferito a mezza età e giovani. E in generale perché sposterebbe equilibri forse capaci di impaurire qualche politico di scarso spessore che ci siamo non infrequentemente trovati nel Lazio.

Il punto principale di questo mio intervento riguarda il “dopo”. Salvini verrebbe a Ladispoli il 12 di luglio. A che fare, una passeggiata al mare? Una scampagnata con le persone a lui vicine, sul piano personale e politico? Cosa può dare uno che, di norma, dovrebbe stare al Parlamento Europeo, e non mi pare che abbia il 100% di presenze? Ovvio che i suoi rappresentanti in loco lo debbano ringraziare per aver “concesso” l’utilizzo della casacca, del “marchio”, come direbbero quelli bravi, e, ogni tanto, qualche idea (forse) in comune. Perché i grandi nomi nazionali non sono intervenuti, qui, in precedenza? Parlo di Salvini come di Renzi, se non proprio di Berlusconi. Perché è palese che intervenire adesso, a successo ottenuto, pur contro il pronostico e i numeri del primo turno, con l’ausilio dei pentastellati e dei nostri ex compagni e democristiani (uno tale resta per tutta la vita, a mio avviso, ma è un parere personale, n.d.r.), sia una cosa semplicissima. Sarà utile a qualche fotografia, a qualche rassegna stampa per futura memoria. Ma non sarà vitale, nella vita di una zona geografica detestata, offesa, come tutto il Centro e il Sud di questa nostra bella Italia, proprio dai leghisti. I quali non hanno mai fatto mistero del loro becero e incondizionato – e illogico – odio e razzismo, nei confronti di tutto quello che era, rappresentava la parte mediana e meridionale del nostro Paese. Cosa dovrebbe venire a dirci, ora? Che si mette la felpa con la scritta Ladispoli dopo averne fatte produrre una per ogni paese del Centro e del Sud visitati?

Ladispoli è una città che ha un buon 10% composto da persone di provenienza romena, i nostri fratelli latini ma orientali di un tempo lontanissimo; ha una discreta e variegata comunità africana, la cui maggior parte mi risulta lavori ed è impiegata in diverse mansioni. Oltre ad altre percentuali di varia origine. E’ un dato di fatto, incontrovertibile. Che poi ogni cittadino registrato e ufficiale debba avere eguali doveri e diritti di tutti gli altri sarebbe un fesso, uno sprovveduto, un poveraccio, chi non lo ammette: “Ci mancherebbe”, parafrasando una delle (tante) uscite TV di Salvini.

Venire ora, a vittoria ottenuta, caro Matteo (Salvini), è più semplice che bere un bicchiere d’acqua. E non ci vuole di certo il coraggio di un appassionato di montagna, che ama scalare le Dolomiti. Mi creda. Questa visita postuma, in un territorio fatto da tanti indignati con gli improperi ignoranti della sua fazione politica, non è solo scontata, priva di coraggio; ma proprio perché tale rischia di inficiare ciò che di esatto, di tanto in tanto, le sento dire in uno di quegli stupendi salotti nei quali “siamo tutti alti, belli e fotomodelli”. Vada a lavorare in sede europea. Ne trarremmo, soprattutto in questo preciso momento, migliore frutto, per la nostra bistrattata e pessimamente rappresentata Italia.

Con il rispetto che si deve a un avversario politico, da un milanista a un altro.

Massimiliano Cannalire

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*