Verano – Prelevate in Germania e segregate a Roma, salvate dalla polizia due giovani ragazze rom

 

Strappate alla loro famiglia in Germania e private dei documenti, sono state tenute letteralmente sotto sequestro per più di un mese a Roma. Protagoniste della vicenda, loro malgrado,  due giovani sorelle di etnia rom liberate ieri mattina dagli agenti dalla Polizia di Stato del Commissariato San Lorenzo.

Le indagini degli investigatori – diretti dal dr.ssa Giovanna Petrocca –  sono iniziate ieri mattina quando si è presentato negli uffici di Polizia il padre delle due ragazze, il quale ha raccontato l’accaduto.

A distanza di pochi giorni tra il 25 ottobre e i primi di novembre infatti, alcuni uomini conosciuti – anche loro di etnia rom – si erano presentati in Germania “prelevando” e portando via contro la propria volontà le sue due figlie, una delle quali peraltro minorenne ed in stato interessante.

Una delle ragazze è riuscita pochi giorni fa con una telefonata ad avvertirlo; partito immediatamente dalla Germania, l’uomo si è rivolto alla Polizia.

Gli investigatori non avendo molti elementi su cui lavorare, hanno concentrato la loro attenzione nella zona del Verano, unico spunto che il padre era riuscito a carpire dalle poche parole della figlia.

Gli agenti hanno così effettuato una serie di appostamenti e controlli in alcuni insediamenti rom sulla via Tiburtina riuscendo a rintracciare le due giovani vittime che erano in “forzata” compagnia dei due aguzzini descritti dal padre; immediatamente fermati e identificati, sono stati trovati in possesso dei documenti d’identità delle due ragazze.

Un terzo è stato invece rintracciato poco dopo, sempre su via Tiburtina, mentre tentava di fuggire .

Le giovani, ricongiuntesi al padre, hanno raccontato che erano state sequestrate e chiuse a chiave dentro un furgone parcheggiato nei pressi del cimitero del Verano.

Dalle verifiche – ancora in fase di definizione – è emerso che tra le vittime e i rapitori ci fossero state in passato relazioni sentimentali.

All’interno del furgone e di altre autovetture in possesso dei tre uomini sono stati trovati e sequestrati numerosi coltelli, cacciaviti, martelli e altri oggetti atti allo scasso.

Identificati per S.D. di 39 anni, G.G. di 19 e G.D. di 20, i tre sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto per sequestro di persona, oltre che denunciati per ricettazione e possesso ingiustificato di grimaldelli.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10685 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*