Nuova brutale 800, dopo 15 anni arriva la più bella brutale di sempre.

La Nuova Brutale 800 cambia totalmente per rimanere fedele a se stessa, alla sua capacità di stupire e di conquistare nuove generazioni di appassionati. Stile, motore, dotazione e ciclistica, tutto è stato rimesso in discussione con l’obiettivo di creare la miglior Brutale di sempre.

Il mito della Brutale nasce il 13 settembre del 2000 quando all’Intermot, ‐ all’epoca a Monaco di Baviera – fu svelata la prima 750 Serie Oro. Rivoluzionaria ed estrema apparve la compiuta materializzazione del suo nome: Brutale. Questo fu il primo pensiero della critica specializzata di fronte all’immagine, alle prestazioni e a un design che ridefinì i canoni della bellezza motociclistica con stilemi come il geniale proiettore ellissoidale o i silenziatori di scarico a canne mozze. Dopo la F4, un’altra MV Agusta stava segnando una nuova era nell’evoluzione della moto, confermata da un inarrestabile successo di vendita, che ne ha fatto, con oltre 30000 unità, il modello più venduto in 70 anni di storia del marchio. Sviluppata sul motore a quattro cilindri con valvole a disposizione radiale, è stata affiancata nel 2012 dal portentoso tre cilindri con albero motore controrotante, crescendo in cilindrata e potenza, da 675 a 1078 cc, da 110 a 158 cv.

mv-agusta-ad-eicma-2015-presskit-_tin8082Oggi, a quindici anni dal suo debutto, la Nuova Brutale 800 riprende a sfidare il futuro. Totalmente riprogettata ma legata alle sue origini, la Nuova Brutale 800 è più efficace su strada, più efficiente nelle prestazioni e naturalmente più bella. Rivista nelle proporzioni e modellata su forme più scolpite e concentrate all’avantreno, la Nuova Brutale 800 esalta la reinterpretazione dei principali stilemi, come il proiettore ellissoidale, ora a Full Led e lo scarico a tre canne d’organo, maggiorate nel profilo e nella capacità (+ 3 litri). L’anima nuova dello stile è però nella futuristica struttura in lega leggera del telaio reggisella che si raccorda al serbatoio trapezoidale (capacità 16.5 litri), integrato con l’air box dando all’insieme maggior definizione e aggressività. Lateralmente la Nuova Brutale 800 rivela nel suo design la costante ricerca della simmetria, anche cromatica, nella realizzazione delle piastre pedane, dei convogliatori e dei supporti del faro anteriore. Tra i dettagli inediti introdotti nella Nuova Brutale 800, vi è la sella sdoppiata, le maniglie del passeggero a scomparsa, il faro posteriore e gli indicatori di direzione a led. Totalmente rivisto anche il ponte di comando, con un nuovo manubrio e l’aggiunta della pompa frizione e del relativo serbatoio che rende l’insieme più ricco, grazie anche al nuovo cruscotto digitale e ai blocchetti elettrici.

Cambia anche il motore, ultima evoluzione del tre cilindri ad albero controrotante, omologato Euro 4 e in grado di erogare una potenza massima di 116 CV a 11.500 giri/min. Da record la coppia massima, incrementata del 25% e pari a 83 Nm a 7600 giri/min. con il del valore 90% disponibile già a 3800 giri/min. Tra le unicità, oltre all’albero motore controrotante, la nuova Brutale 800 è l’unica della sua categoria con il cambio elettronico up&down EAS 2.0. La frizione è ora a comando idraulico con sistema anti‐saltellamento mentre la gestione del motore è affidata al sistema MVICS che include Full Ride by Wire multi‐mappa integrato al controllo di trazione regolabile su 8 livelli.

Ciclisticamente la Nuova Brutale 800 ha un nuovo telaio con interasse portato a 1.400 mm (+20 mm), e avancorsa di 103.5 mm (95 mm nella versione precedente). Il traliccio di tubi d’acciaio ALS è integrato con piastre in lega leggera di alluminio nella zona posteriore di fulcro del monobraccio. La forcella Marzocchi ha steli rovesciati di 43 mm di diametro in alluminio con un’escursione è di 125 mm, 1 mm in più dell’ammortizzatore Sachs vincolato al monobraccio.

L’impianto frenante è interamente Brembo con una coppia di dischi anteriori flottanti da 320 mm di diametro e pinze a quattro pistoncini mentre al posteriore agisce una pinza a doppio pistoncino su un disco da 220 mm. L’ABS Bosch 9 Plus completa il quadro, garantendo sicurezza e prestazioni su ogni fondo stradale. In tema di sicurezza, un contributo è quello fornito anche dai nuovi pneumatici Pirelli Diablo Rosso III, per la prima volta montati come primo equipaggiamento in un moto prodotta in serie.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10685 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*