Bosi: “Cimiteri al collasso e stop alle cremazioni: Situazione inaccettabile”

cimiteri roma flaminio



Alessandro Bosi, segretario generale della Federazione nazionale imprese onoranze funebri, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Cosa succede in città”, condotta da Emanuela Valente su Radio Cusano Campus.

A Roma cimiteri al collasso e stop alle cremazioni

“C’è una mala gestione dei cimiteri capitolini che sta diventando veramente inaccettabile. Tre giorni fa Ama ha di nuovo comunicato che non accettano più feretri destinati alla cremazione. Ci sono 2mila feretri in attesa di seppellimento, siamo in una situazione tale che ci sono file all’ingresso del cimitero, non si sa quando l’impresa funebre col suo carro può scaricare il defunto. Anche in punta di legge questa è un’aberrazione.

Allora cosa facciamo con le bare le portiamo sotto il Campidoglio? Una circolare del Ministero della Sanità nel 1993 dice che quando il feretro è destinato alla cremazione, anche se il forno crematorio non ha disponibilità in quel momento, non deve respingere il defunto, deve custodirlo nel deposito, ma ora non avviene perché hanno i depositi pieni. Dovrebbero organizzarsi come hanno fatto altre città.

Questi sono diritti essenziali ai quali il cittadino non dovrebbe avere problemi ad accedere. Una rappresentanza delle nostre imprese domani andrà sotto il Campidoglio a dimostrare al sindaco che vogliamo lavorare e garantire un diritto ai cittadini”

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.