Di Nicola: “No al condono indiscriminato”

primo di nicola



Primo Di Nicola, senatore del M5S, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sullo stralcio delle cartelle esattoriali previsto nella bozza del Dl Sostegno

“Non mi piace la logica del condono –ha affermato Di Nicola-. I condoni fiscali hanno ucciso il sistema tributario italiano, hanno ucciso l’equità fiscale, la speranza di una giustizia tributaria che in Italia non abbiamo mai avuto. Di condoni ne abbiamo visti tanti, dopo che tutti i partiti si sono pronunciati contro i condoni promettendo un’azione di contrasto seria, oggi si sta portando avanti un messaggio devastante sotto il profilo politico-culturale e per i cittadini.

I media e la politica stessa dovrebbero mobilitarsi per una battaglia che è civile e culturale, in Italia le tasse evase ammontano a 107 miliardi di euro e non vedo quella mobilitazione necessaria per portare avanti un’azione di contrasto che non faccia sconti agli evasori. La riscossione è sempre stata un fallimento, siamo arrivati ad una massa di non riscosso che ha superato i mille miliardi di euro. Non è che se il direttore dell’Agenzia delle entrate dice che siccome ci sono crediti inesigibili allora liberi tutti, è come se un direttore del carcere dicesse: a causa del sovraffollamento del carcere liberiamo tutti. Il problema è che questa illegalità legata all’evasione fiscale che lede fortemente la democrazia di questo Paese non è considerata un’emergenza.

Bisogna riconoscere le difficoltà nelle quali si possono ritrovare i contribuenti, soprattutto in questo periodo, ma il problema è che qui si stanno cancellando cartelle in maniera indiscriminata. Questo provvedimento taglia generalizzando, mentre secondo me sarebbe più corretto sospendere le cartelle, aspettare la prossima dichiarazione dei redditi, vedere tra i debitori chi ha redditi per pagare e chi invece non ce la fa.

Bisognerebbe riformare la riscossione, ma purtroppo la politica ha il problema che quell’evasore è anche un elettore e azzerare le cartelle è un investimento politico-mediatico che fanno i partiti dell’evasione fiscale”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.