Uber Eats: anche a Torino l’esposto contro il caporalato sui rider

torino



La notizia è pesante, ma non arriva certo inaspettata: il Tribunale di Milano ha commissariato Uber Italy, la filiale italiana del gruppo americano, per le ripetute pratiche di caporalato messe in atto. I fattorini venivano reclutati sfruttando la loro situazione di emarginazione sociale, perché avere un lavoro, anche se molto sottopagato e privo di diritti, era l’unico modo per avere o mantenere il permesso di soggiorno.

Un vero e proprio sistema di caporalato, del tutto analogo a quello che avviene nelle nostre campagne da nord a sud: paghe infime, orari indeterminati, carichi di lavoro enormi, ricatti messi in atto da chi può scegliere giorno per giorno a chi “concedere” la giornata di lavoro, violenze e minacce per chi osa ribellarsi.

Società satellite

Un sistema che non riguarda solo Uber Italy, ma che si avvale di società satellite che svolgevano una attività che ora è indagata per intermediazione illegale di manodopera. Per andare ad intercettare e colpire anche tutte queste società satellite, ieri a Torino un gruppo di avvocati che da anni cerca di tutelare i rider, ha presentato un esposto contro pratiche analoghe.

“Abbiamo presentato un esposto che non riguarda solo il caporalato, ma anche le ipotesi di reato relative alla tutela dell’integrità fisica e morale dei lavoratori; con la possibile responsabilità sia da parte di Uber sia, in concorso, di imprese satellite”, così dicono gli avvocati Bonetto, Druetta, Vitale e Martinelli che hanno presentato l’esposto al Tribunale di Torino.

Basta sfruttamento!
Vogliamo diritti per tutti i/le rider!

Fonte: Potere al Popolo

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19333 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.