Fassina, buoni spesa: “C’è qualcosa che non va nell’organizzazione”

buoni spesa



Così Stefano Fassina sulla sua pagina Facebook:

Abbiamo chiesto dati precisi sulla consegna dei buoni spesa e non abbiamo avuto risposte soddisfacenti. C’è qualcosa che non va nell’organizzazione. Lo abbiamo detto: si coinvolgano le associazioni e i volontari più vicine alle famiglie in sofferenza economica e sociale e che conoscono il territorio e possono intervenire rapidamente. L’organizzazione va rivista e l’emergenza non finirà nei prossimi giorni.
Anche per questo stamattina ho partecipato alla manifestazione del Movimento per i diritti all’abitare sotto la sede del Dipartimento Politiche Sociali, per denunciare la carenza di buoni spesa e più in generale di politiche sociali per chi è in difficoltà.

Decreto aprile

Servono soldi e ce li deve mettere il governo è inaccettabile che il ‘Decreto aprile’, a maggio non sia ancora arrivato, che si diano i ‘buoni vacanze’, e’ inaccettabile che si cancelli l’Irap alle grandi imprese e non si dia un reddito di emergenza a chi non ha una lira.
Bisogna cambiare l’ordine delle priorità.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23725 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.