Potere al Popolo, da Taranto arriva un’altra storia di soprusi di aziende contro lavoratrici e lavoratori

lezzi



Questa volta l’azienda in questione è la Arcelor Mittal, capace di licenziare un suo dipendente per aver pubblicato sulla propria bacheca Facebook un post in cui denunciava la mancata distribuzione di DPI sul suo posto di lavoro. L’azienda ha motivato il licenziamento con il venir meno del rapporto di fiducia tra proprietà e dipendente, come se appunto tale rapporto, e quindi la possibilità di lavorare in quell’azienda, fosse fondato sul silenzio da parte dei dipendenti sulle condizioni di lavoro e il rispetto delle misure per la tutela della salute.

Operai vessati

Non solo gli operai, insomma, non possono pretendere il rispetto delle norme in vigore per la tutela della loro salute e della salute pubblica, ma non possono nemmeno dire che queste non siano rispettate… Nel frattempo, inoltre, chi è che controlla che tali norme vengano rispettate? Invece di accanirsi su chi va a correre o fa una passeggiata, inseguiti addirittura con droni ed elicotteri, non sarebbe opportuno verificare che le aziende rimaste in attività rispettino le norme previste? Cosa succederà con la riapertura totale delle prossime settimane?

Bisogna subito assicurarsi che la salute delle lavoratrici e dei lavoratori venga tutelata, basta fare profitto sulle nostre spalle!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 20938 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.