Maison Cilento & F.llo, da oltre 2 secoli la cravatta napoletana nel mondo



Napoli è famosa nel mondo per le sue innumerevoli meraviglie e eccellenze.

Tra queste c’è la “Maison Cilento & F.llo”, diventata celebre perché le sue cravatte, nel corso di oltre due secoli, sono diventate il desiderio di chi ha voglia di indossare un capo raffinato, elegante e di pregio.

Abbiamo intervistato, così, Ugo Cilento, presidente della Maison partenopea che ha sede alla Riviera di Chiaia, il quale con le sue risposte ci ha permesso di fare un viaggio nel tempo e nella cultura di una famiglia che da 8 generazioni è uno dei vanti di Napoli.

 

240 anni di moda napoletana, dal 1780: i passaggi più importanti per arrivare ai giorni nostri quali sono stati?

La moda napoletana è cambiata nel corso dei secoli. Ai tempi della fondazione della nostra Maison esistevano i sarti di palazzo che servivano nobili e ricchi commercianti. Si lavoravano i tessuti, dei quali la nostra Azienda era fornitrice. Si fornivano tessuti anche per confezionare, rigorosamente a mano, anche le divise dell’esercito borbonico che, al tempo, era considerato il più elegante d’Europa. Le divise erano, oltre che di bella fattura, estremamente efficienti essendo confezionate con criteri che agevolavano i movimenti nelle battaglie. Quando a fine ottocento, inizi novecento nacquero le prime botteghe sartoriali ci si rifaceva prevalentemente allo stile inglese per gli abiti maschili. Ecco il primo punto di svolta per la Cilento, che già allora cercava di affermare il proprio stile e già riusciva, per la verità, nel suo intento. Negli anni 50/60 il settore della sartoria conosce una crescita esponenziale fino a raggiungere, negli anni 80, l’etichetta del Made in Italy. Da allora la Maison Cilento si è rinnovata costantemente, reinterpretando lo stile classico e adattandolo alla contemporaneità, sempre nel rispetto della tradizione.

 

8 generazioni che dal cuore della Riviera di Chiaia portano in alto il nome della città nel mondo. Cosa si prova ad incarnare uno stile unico?

Tutte le generazioni della famiglia che hanno lavorato e investito nell’azienda hanno avuto il merito di rispettare le tradizioni. Il nostro stile è stato sempre mantenuto e certamente siamo sempre stati orgogliosi del fatto di essere riusciti a non farci inquinare dalle novità dei mercati.

 

Quali sono i segreti delle vostre cravatte?

Forse non parlerei di segreti, ma di grande esperienza, di serietà nella scelta della materia prima e degli interni, che rendono i nostri nodi particolarmente belli e riconoscibili, di vera artigianalità nel confezionamento e di ricerca nello stile.

Qualità, design e classe quali elementi caratterizzanti: la creatività che ruolo gioca?

La creatività è un elemento importantissimo che serve ad essere sempre innovativi pur non abbandonando mai il nostro stile. È secondo me un dono, una intuizione, che o si ha o non si ha. Da anni, accanto alle collezioni annuali, creo edizioni speciali ed edizioni limitate legate e dedicate all’arte, alla musica, alle professioni, alla storia.

A molti non è sfuggito il fatto che il premier Conte indossa le vostre cravatte anche in questo periodo di emergenza: c’è orgoglio in questo?

Sono molto felice che il Presidente Conte abbia indossato la mia cravatta in questo periodo di emergenza, in particolare per il significato della stessa dedicata all’unità d’Italia, per me messaggio di solidarietà e positività per la nostra nazione.

Cosa rappresenta Napoli per voi e quali traguardi avete in mente di raggiungere?

Napoli per me è la radice di tutte le nostre tradizioni, culla di eleganza, raffinatezza e cultura. Devo tutto a Napoli e alla sua creatività. E qualunque progetto io abbia di espansione futura non offuschera’ mai il sapore e i profumi della sede storica, ma vorrà solo portarli fuori e condividerli.

Maison Cilento & F.llo, da oltre 2 secoli la cravatta napoletana nel mondo

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22301 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.