Becchi: “Da agosto siamo in una crisi permanente”

Il filosofo Paolo Becchi



Il Prof. Paolo Becchi, filosofo e politologo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sulla possibile crisi di governo

“E’ una partita a poker dove prima o poi bisognerà vedere le carte –ha affermato Becchi-. Ognuno alza la posta, però le carte le vedremo tra un po’. Mi chiedo se un Paese possa funzionare come se i protagonisti politici stessero giocando una partita a poker. C’è qualcosa che non mi torna. Da questa estate in poi è una crisi permanente. Questo governo cosa vuole fare? Si sono posti come obiettivo quello di smantellare quello che aveva fatto il governo precedente.

Che senso ha un governo che ha come unico obiettivo questo? Il Pd sta governando con lo stesso partito che ha fatto le cose nel governo precedente e che ora le vuole modificare. Il problema è che il partito di maggioranza relativa in parlamento mette in discussione tutto quello che ha fatto prima. La crisi permanente non vuole dire elezioni domani. Fino a settembre, per via del referendum di marzo, sono praticamente impossibili le elezioni. Il problema è che i due Mattei hanno capito che hanno un nemico comune: Conte. Vogliono farlo sparire dalla circolazione politica. Stanno cercando in tutti i modi, Renzi dall’interno e Salvini da fuori, di cercare di metterlo in discussione.

Conte ha detto chiaramente che vuole fare un nuovo centro, la stessa ambizione di Renzi e non è possibile avere due centri. Renzi all’inizio non l’ha capito, ora l’ha capito, gli avranno detto: stai attento che Conte sta facendo questo gioco qui e ti fotte. Bisogna vedere cosa decidono di fare i due Mattei. La Meloni sbaglia a dire: mai accordo. Quando io ho sostenuto l’ipotesi di governo istituzionale, avevo in mente l’esperienza di Ciampi che traghettò dall’aprile del 93 al gennaio del 94 prima delle elezioni. Sarebbe giustificato un governo istituzionale guidato da una personalità autorevole dello Stato con dentro i partiti che ci stanno, prima di andare ad elezioni a settembre. Salvini sarebbe d’accordo”.

Sul decreto per l’abolizione della laurea in Psicologia nelle università telematiche

“Io insegno in un’università pubblica non telematica, però devo dire che ho avuto modo di apprezzare l’università telematica e uno dei miei figli sta facendo un’università telematica. Io che provengo da un’altra esperienza, ho voluto vedere come funziona e ho avuto un’impressione straordinaria, ottima. Sono lezioni preparate da persone competenti, non è un’università di serie b come qualcuno vorrebbe far credere. Quella del decreto sulla facoltà di psicologia è un’ingiustizia.

Viviamo in un mondo digitale, stiamo sempre attaccati a computer, smartphone e diciamo che non va bene l’insegnamento telematico. Anzi, sono le università tradizionali che dovrebbero adeguarsi alle nuove tecnologie. Tra l’altro l’ex ministro Fioramonti era del M5S e il M5S è nato nella rete”.

Fonte Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.