Ugl Roma, sconcertanti le dichiarazioni della sindaca Raggi su lavoratori della Multiservizi

Roma Multiservizi, Campidoglio conferma gara a doppio oggetto



In una nota congiunta il Segretario Ugl Roma, Ermenegildo Rossi, ed il Segretario Regionale Ugl Igiene Ambientale, Mauro Piconi, parlano delle dichiarazioni della Sindaca Raggi sui lavoratori della Multiservizi.

Le parole di Rossi e Piconi

Rimaniamo sconcertati dalle dichiarazioni rilasciate dalla Sindaca Raggi, che si è recata oggi ad un presidio di lavoratori della Multiservizi, raggiunti da una nota aziendale con la quale si dichiarava che lo stipendio in pagamento oggi – il primo da tre mesi – sarebbe stato erogato al 70%.

Non più tardi di ieri, infatti, in occasione della riunione presso la Prefettura di Roma, convocata per esperire il tentativo di conciliazione ai sensi dell’art.2 della 146/90, a seguito della fase di agitazione proclamata in tutte le aziende partecipate del Comune di Roma, il Presidente della stessa azienda dichiarava lo stato dei pagamenti, al cospetto dell’Assessore al Personale, Antonio De Santis, e dell’Assessore alle Partecipate, Lemetti.

Ci sorge il dubbio che la Sindaca non venga informata dai suoi assessori né dello stato dell’arte di una riunione così importante – conclusasi con esito negativo – o peggio finga di non sapere per imbonire i lavoratori, stremati dalle ristrettezze di gestioni che dovrebbero essere monitorate e garantite dallo stesso Comune.

Abbiamo indetto un’intera giornata di sciopero per il prossimo 25 ottobre – continuano i sindacalisti – . Ci aspettiamo che la Sindaca possa mostrare la stessa attenzione che ha voluto dimostrare oggi, al destino delle aziende partecipate e dei suoi lavoratori, scongiurando inutili liquidazioni e costruendo un percorso condiviso per il rilancio delle aziende di Roma Capitale.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.