Codacons: Italia blocca l’export armi alla Turchia



Codacons: è presa in giro

Sanzione riguarda contratti futuri

Il decreto ministeriale per bloccare l’export di armamenti verso la Turchia annunciato dal Ministero degli Esteri, Luigi Di Maio, è una presa in giro per gli italiani e per i curdi, e non avrà alcun effetto sulle politiche di Ankara. Lo afferma il Codacons, che boccia la presa di posizione del governo italiano.
“Bloccare adesso la vendita delle armi non serve a nulla, perché la misura avrà effetto solo sui contratti futuri e non riguarda l’immediato, e quindi non priverà la Turchia di armamenti almeno per i prossimi 6 mesi – spiega il presidente Carlo Rienzi – Al contrario l’Italia e l’Europa devono adottare provvedimenti duri e sanzioni che abbiano un effetto punitivo reale ed immediato nei confronti del paese, al fine di ottenere risultati nel breve termine e lanciare un messaggio forte alla Turchia”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22651 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.