Impianti dentali: che cosa è importante sapere?

Impianti dentali:



La perdita di uno o più denti è sempre un evento traumatizzante, in quanto comporta non pochi problemi a livello masticatorio, ma anche estetico. In passato, il ripristino era garantito esclusivamente attraverso l’impiego di protesi mobili o fisse, agganciate ai denti contigui. Attualmente, la necessità di questi apparecchi è notevolmente diminuita, in quanto sono stati fatti importanti progressi per quanto riguarda la prevenzione di patologie deleterie del cavo orale, come la carie dentaria e la parodontopatia.

Tuttavia, nei casi in cui la perdita di elementi dentali risulta inevitabile, l’implantologia ha permesso di ottenere eccellenti risultati, anche perché evita di coinvolgere denti integri per sostituire quelli mancanti. Ma che cos’è esattamente un impianto dentale? É una radice artificiale, che viene ancorata all’osso, a sostituzione di quella naturale.

L’inserimento avviene, di norma, per via chirurgica, sotto anestesia locale. Dopo la guarigione, la vite inserita funge da base per l’applicazione della protesi, che corrisponde all’estremità visibile del dente. Ciononostante, con la tecnica di implantologia a carico immediato, a sole 24 ore dall’intervento chirurgico, è possibile riabilitare il paziente, in modo da portare a compimento l’installazione dell’impianto.

Aspetti importanti da considerare

L’intervento di implantologia dentale, a differenza di quanto si potrebbe pensare, non è doloroso e garantisce una percentuale di successo estremamente elevata (95%). A seconda delle necessità è possibile inserire uno o più impianti per sostituire uno o più denti o l’intera arcata.

Gli impianti dentali rappresentano una vera e propria rivoluzione, poiché permettono al paziente di recuperare l’estetica e la funzione masticatoria. Inoltre, consentono di colmare le lacune dentali che potrebbero determinare a lungo andare uno spostamento della dentatura residua, con conseguenti malocclusioni e disturbi importanti a livello dell’articolazione mandibolare.

Ma come sono fatti gli impianti dentali? Sono caratterizzati da 3 elementi fondamentali: l’impianto o pilastro, che ricorda una vite e viene posizionato nell’osso, l’abutment, una piccola struttura metallica che collega la protesi all’impianto, e la protesi, una corona artificiale che va a sostituire quella naturale mancante.

Impianti dentali in titanio o ceramica: cosa scegliere?

Fino a qualche tempo fa i perni venivano riproposti solo in titanio. Oggigiorno, invece, è possibile contare anche su altri materiali che portano non pochi vantaggi. Di fatto, gli impianti dentali di ultima generazione sono realizzati in ceramica, o meglio in zirconia, un materiale innovativo che permette di ovviare ai limiti presentati dal titanio. Questo metallo, infatti, pur essendo resistente ed integrandosi perfettamente con l’osso, risulta poco efficace dal punto di vista estetico.

Infatti, propone viti di colore grigio, che tendono a risaltare in caso di gengive particolarmente sottili. Per ovviare a questo problema, molto spesso, è necessario attuare un innesto gengivale, che prevede il prelevamento di parte del tessuto dal palato, in modo da rendere la gengiva più spessa. Tuttavia, gli impianti in titanio richiedono anche un’elevata manutenzione, in quanto sono soggetti a corrosione ed al deposito di placca, che può portare alla formazione di infezioni.

L’ossido di zirconio, invece, è un materiale che viene ben tollerato anche dalle gengive, non solo dall’osso. Inoltre, è di colore bianco, ovvero dello stesso colore dei denti naturali, e la placca non aderisce, preservando al meglio la salute della bocca. Il costo iniziale degli impianti in ceramica è più elevato, ma sono praticamente indistruttibili, quindi, si ammortizzano con il tempo.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.