Colosseo, nuovo sfregio fatto da una turista ungherese: tre casi in una settimana

Colesso, nuovo sfregio fatto da una turista ungherese: tre casi in una settimana



Ancora scritte sulle mura del Colosseo, ancora turisti stranieri protagonisti dello scempio nei confronti di uno dei monumenti più famosi del mondo.

La voglia di lasciare un segno del suo passaggio, questa volta, ha pervaso un turista ungherese di 29 anni che nel corso della visita all’Anfiteatro Flavio, ha pensato bene di incidere l’iniziale del suo nome – la lettera “T” – sulla parete dell’anello inferiore, all’altezza dell’uscita Sud, utilizzando una tessera in plastica rigida.

Immediato intervento dei carabinieri dopo la segnalazione della vigilanza

L’attenta vigilanza e l’immediata segnalazione effettuate dal personale di vigilanza del Parco Archeologico del Colosseo ha consentito ai Carabinieri del Comando Roma piazza Venezia di intervenire in tempo utile per identificare il giovane vandalo e denunciarlo con l’accusa di danneggiamento aggravato.

Si tratta del 3° caso di danneggiamento ai danni del Colosseo in una sola settimana; il 25 aprile scorso, infatti, è stata denunciata a piede libero una turista israeliana di 39 anni, mentre tre giorni dopo, il 28 aprile, a finire nei guai per lo stesso motivo è stata una studentessa bulgara di 17 anni.

Colosseo, nuovo sfregio fatto da una turista ungherese: tre casi in una settimana

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.