Chiodo schiaccia chiodo, ma il chiodo resta…



Il primo a scrivere la frase “Chiodo schiaccia chiodo” fu Marco Tullio Cicerone verso il 44 a. C., nel libro Tusculanae Disputationes. Per la precisione Cicerone scrisse che “Il nuovo amore toglie un vecchio amore, come un chiodo toglie l’altro”.
Oggi, questa frase, è interpretata come un invito a ricercare in una nuova relazione affettiva la cura per guarire il dolore che nasce dalla fine di un rapporto.
Un dolore forte, in grado di paralizzare l’anima.

Ho perso il conto delle volte in cui mi sono sentito dire “Alfredo sai come ho superato la mancanza di lei? Frequentando e scopando un’altra” oppure “Cazzo te ne fotte di lei, c’è quella tipa che ti corteggia. Esci con lei e fregatene”.
Questo modo di agire di certo funzionerà, non lo metto in dubbio, anzi…Ma per chi come me crede nell’amore e nel rispetto delle persone, non credo sia il modo giusto per superare la fine di una relazione amorosa.

Premesso che non sono un santo e che la vita mi ha fatto incontrare donne dalle quali ho imparato tanto, proprio grazie a loro ho fatto mio il precetto che bisogna essere chiari sia con se stessi sia con il partner. A quest’ultimo occorre dire la verità cioè se si va a letto per mero sesso o perché c’è dell’altro.
Nel dialogo con se stessi sarebbe opportuno non mentire: perché vai a letto con quella donna? Tutto ciò perché bisogna rispettarsi e rispettare.

Qualcuno obietterà che se non si prova, come si fa a giudicare? Certo, provare per credere, ma toglietemi una curiosità: se fino a ieri l’altro eravate perdutamente innamorate/i di lui/lei, mi spiegate come fate a passare da un letto all’altro con tanta facilità? Ah, il sesso…Bellissimo il sesso, buonissimo…a meno che non si sia un adolescente alla ricerca di un piacere ancora poco conosciuto, ma chi ha apprezzato il piacere del sesso condito dall’amore, non è meglio se prima di aprire le gambe o abbassarsi i pantaloni, si aspettasse un pochino? “Alfredo, ma dai, c’è interesse non essere bigotto”…Bigotto io? No, anzi proprio perché esiste un interesse, perché cedere subito agli ormoni, prima di comprendere la natura dello stesso? Senza scomodare quel tale che ha affermato che “L’attesa del piacere è essa stessa un piacere”, ma state tutte/i così a ruota? Suvvia…
Non nascondo di essere stato uno stronzo; il destino, però, mi ha servito delle belle stronze. A furia di fare “stronzate” ho, così, compreso che è meglio essere uomini.
Iniziare e vivere una relazione stabile è fantastico. C’è un particolare, però, che va tenuto sempre conto, in quanto indispensabile. L’inizio e la stabilità nascono perché c’è un amore o c’è una convenienza? Amore per lui/lei o lei/lui serve a coprire un vuoto? Insomma c’è un sentimento o un mero calcolo per non affrontare la sofferenza che inevitabilmente segue dopo un amore non più corrisposto?

Quante volte, non facciamo gli ipocriti, abbiamo usato il sesso per evitare di fare i conti con i propri sentimenti? Anzi, franchezza per franchezza, quante volte siamo stati stronzi/e perché non chiari con il partner passeggero? Magari lei/lui vedevano in noi un qualcosa più di una semplice scopata…Essere uomini…Beh, essere uomini significa essere sinceri, chiari e rispettosi. Soprattutto, specie alla mia età e con la mia esperienza, essere uomini significa guardarsi dentro il cuore e non fingere; sei ancora innamorato/a e preso/a da lei/lui? Allora è inutile che cerchi in un orgasmo il cerotto per coprire una cicatrice ancora viva. Non serve a nulla, anzi…Non fa altro che rendere ancora più salato il conto di quando arriverà il momento della verità.

Nel nostro cuore mettere un chiodo laddove c’è già un altro non fa altro che rendere ancora più grande il buco del dolore.
Non siamo bestie ma siamo esseri che hanno testa e cuore. Il cervello può far tacere il cuore, ma ciò che ci differenzia dagli animali è anche il sentimento più divino, l’amore.

La paura di rimanere da soli o di soffrire una separazione, non devono spingerci a comportarci come gli animali; poi se siete bestie, bontà vostra…
Il chiodo dal nostro cuore potrà essere tolto solo dal martello che lo ha piantato.
Stare da soli quando finisce un rapporto serve a riscoprirsi per stare meglio, poi, con se stessi. Solo così, solo dopo che si è avuto il coraggio di chiamare le cose con il loro vero nome, è possibile creare nel nostro cuore lo spazio non già ad un chiodo bensì ad un amore.

E se il chiodo schiaccia chiodo serve solo per superare la paura di amare chi si ama?
Chi ha paura dell’amore sbaglia due volte; con il presunto chiodo schiacciatore e con se stessi.
Errare è umano ma perseverare…

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 13141 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.