La paura di amare…



Quante volte avete sentito dire “Ho paura di amare”? Dite la verità, quante volte questa paura l’avete avuta? Bene, a mio avviso, questa paura non scaturisce dal sentimento bensì dalla nostra vulnerabilità. A farci davvero paura è il fatto che oggi chi ci dice “Ti amo”, un domani potrebbe ferirci.

 

Ti amo da morire…Ma se è proprio l’amore a dare la vita? La realtà è che noi non abbiamo paura di amare ma temiamo la nostra vulnerabilità. Vulnerabilità che è il tesoro più grande che possiamo donare quando amiamo una persona. Fateci caso, quand’è che realmente ci sentiamo innamorati se non quando ci doniamo e superiamo, così, la paura che l’altro potrebbe ferirci?

La vulnerabilità, la possibilità di essere feriti, non saranno forti quanto l’amore.

 

Una costante molto diffusa nelle relazioni di oggi è quella che vede più facile vivere un rapporto in modo brutale e passionale, mentre sono rari i casi di amori delicati, dove c’è il rispetto l’uno dell’altro. L’amore oggi viene inteso come un qualcosa di possessivo “Sei mia”, “Sono tuo”…Mia? Tuo? Non siamo oggetti esposti nelle vetrine di un negozio! Siamo donne e uomini, che nelle proprie diversità, scelgono di amarsi. Ed è questa diversità che va per prima preservata.

Se invece della riduzione del tutto a meri oggetti da usare (l’esatto contrario di soggetti da vivere) ci fossero più rispetto e salvaguardia delle proprie diversità, certe paure non avrebbero più ragione d’essere. Deve sempre esserci, a mio parere, una soglia oltre la quale non bisogna mai andare; soglia che nasce dall’incontro delle proprie intimità.

Parafrasando Papa Francesco, in un amore, affinchè non ci siano più paure, dovrebbero esserci tre parole: permesso, scusa e grazie.

Il rispetto che richiamo, non è altro che il “permesso” per non invadere il campo altrui, la “scusa” perché non sbaglia sempre e solo una persona, ed il “grazie” perché quello che si riceve dall’altro non è scontato così come il fatto che sia lì a farlo non lo è.

Paura di amare? No, paura della vita. Iniziamo a rispettarci così, magari, troveremo il coraggio e la gioia di amarci. E se va male? Nella vita non sempre tutte le ciambelle escono con il buco…Di certo da un amore non più corrisposto, si può imparare la lezione che non bisogna mai perdere la speranza. Altrettanto sicuro è che quando c’è stato il rispetto tra innamorati, questi, anche se non più vicini, rimarranno sempre impressi nei loro cuori. Chi vi dice, poi, che la “lontananza” non possa essere un domani ridotta se non colmata?

Un cuore non dimenticherà chi lo ha amato per davvero, anzi…la mente può fingere di dimenticare, ma il cuore…

Inseguite i vostri amori, senza paure, senza freni a mano tirati e da innamorati, dialogate, parlate e confrontatevi; soprattutto rispettatevi e rispettate l’amore.

L’amor che move il sol e l’altre stelle”, l’ultimo verso di un capolavoro che può essere l’inizio di una nostra/vostra opera divina

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 14194 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.