Quanto traffico web consumano i videogiocatori online?

Smartphone



In ogni momento della giornata, sono milioni gli appassionati di giochi online di tutto il mondo che si contrappongono l’un l’altro su campi di battaglia virtuali, piste da corsa, campi sportivi o sale giochi come i casinò con bonus senza deposito italiani. D’altronde, è ben evidente che se i videogiochi online sono stati una tendenza fondamentale da oltre un decennio, la loro popolarità e la loro portata non hanno mostrato alcun segno di rallentamento nemmeno negli ultimi mesi e, anzi, sembrano essere in grado di rilanciare le proprie aspettative per il prossimo futuro.

Il gioco online multiplayer free-to-play e pay-to-play (MOG) – dove i partecipanti giocano contro i loro compagni da gioco su smartphone, PC o console grazie alla loro connessione Internet e grazie a una massiccia rete di server di dati in tutto il mondo – secondo un recente dossier di Statista vale già più di 20 miliardi di dollari ogni anno, con un trend di continua crescita.

In uno dei mercati principali al mondo, quello del Regno Unito, alcune proiezioni di mercato rilasciate da Interxion negli scorsi giorni suggeriscono che il gioco online rappresenterà circa un terzo del fatturato complessivo dell’industria tecnologica del Paese entro il 2020. Ad ogni modo, tutto ciò non dovrebbe costituire una sorpresa: il report “State of Online Gaming 2018” di Limelight Network rivela che i giocatori stanno scaricando e giocando più che mai, tanto che il tipico giocatore del Regno Unito spende in media più di 7 ore alla settimana per competere online.

Tre sono le piattaforme principali che dominano il mercato globale del gioco online. In primo luogo, c’è il PlayStation Network: una rete che conta circa 70 milioni di membri, una cifra simile al numero di console PlayStation 4 vendute in tutto il mondo. Il servizio di abbonamento premium per giochi Sony, PlayStation Plus, ha attualmente più di 34 milioni di giocatori che pagano per ottenere contenuti esclusivi, ricevere sconti e accedere a nuovi giochi prima del rilascio generale. Poco meno di 60 milioni di giocatori sono invece iscritti a Xbox Live, il rivale di Microsoft per PlayStation Network, mentre la rete di distribuzione digitale di Steam ha raggiunto un picco di 18,5 milioni di utenti simultanei all’inizio di gennaio.

Ma a quanto ammonta il consumo di traffico web da parte di questa popolazione in continua crescita?

Come noto, i giochi multi-player si scambiano costantemente informazioni con server basati su cloud ospitati presso data center sparsi in tutto il mondo. Tuttavia, se una simile premessa potrebbe aprire superficialmente scenari di esosità nel consumo di MB, in realtà potrebbe stupire il fatto che giocare ai videogiochi online non sembra essere così impegnativo (sui dati) come forse immaginereste. Alcuni giochi online richiedono ad esempio un minimo di 10 megabyte (MB) all’ora, mentre il titolo medio utilizza fino a 200 MB all’ora.

Per avere una maggiore consapevolezza di quanto sopra appena introdotto, proviamo a dare un’occhiata ad alcuni dei videogiochi più popolari al mondo, pur con qualche avvertenza: nel mare di queste statistiche, infatti, ci sono ovvi avvertimenti da considerare, come la vicinanza del giocatore ai server di gioco e le loro impostazioni di gioco. Tuttavia, anche queste statistiche così sintetiche possono essere in grado di dare un’idea generale di quanta memoria e potenza di elaborazione siano necessarie per poter sorreggere l’industria del gaming online e le proprie personalissime esperienze di gioco.

World of Warcraft, il popolare gioco di ruolo online multiplayer (MMORPG), ha attualmente oltre cinque milioni di abbonati globali. Richiede 10-40 MB all’ora per giocare, anche se i “raid” richiedono 25 MB di dati in più e una tipica battaglia di 30 contro 30 nella sua Alterac Valley virtuale può utilizzare 160 MB aggiuntivi. Per inciso, già nel 2009 la rete di WoW comprendeva 10 data center con una capacità di archiviazione di 1.3 petabyte (PB) collettiva. Player Unknown’s Battlegrounds (PUBG), originariamente un titolo per PC che è diventato il gioco più venduto di Xbox One con cinque milioni di copie in tutto il mondo, consuma 40 MB all’ora, mentre il popolare franchise FIFA ha bisogno di meno dati (circa 30 MB all’ora ).

Counter-Strike: Global Offensive, uno sparatutto in prima persona, utilizza fino a 250 MB all’ora, a seconda che venga utilizzato un server di 128 tick più veloce anziché uno da 64 tick. Un’ora di 5 contro 5 giocatori nel classico gioco di League of Legends occupa invece 60 MB, mentre un’ora di gioco con gli sparatutto di Destiny 2 assorbe ben 300 MB.

Rispetto al gioco online, lo streaming TV con Netflix o Amazon Prime tende ad essere molto più esoso di dati. Lo streaming di una definizione standard di un’ora richiede 250 MB, mentre l’alta definizione consuma 1 gigabyte (GB). E se stiamo parlando di video ultra-HD 4K di alta qualità, la richiesta sale fino a 7 GB all’ora.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Emanuele Bompadre 13536 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.