Padova, in arrivo sei “Centri di facilitazione digitale” per tutti i cittadini ancora poco avvezzi ad interne

padova



Grazie ai fondi del PNRR – Padova ha ottenuto 264.100 euro – saranno aperti nella nostra città sei “Centri di facilitazione digitale” con l’obiettivo di favorire l’uso autonomo, consapevole e responsabile delle nuove tecnologie e di accrescere il livello di competenza e preparazione dei cittadini.

Il progetto si rivolge infatti a tutti, senza limitazioni di accesso al servizio anche se è evidente che gli utenti ai quali è principalmente indirizzato riguardano le fasce di popolazione che per età o per condizione economiche e sociali hanno ancora poca dimestichezza con i servizi digitali, sempre più presenti nella vita quotidiana di tutti e in generale conoscono ancora poco internet e le applicazioni pubbliche e private che operano sul web.
L’apertura di “Centri di facilitazione digitale” è prevista a livello nazionale dalla Misura 1.7.2 (missione 1, Componente 1 Asse 1) del PNRR e rientra nel piano nazionale di digitalizzazione del nostro Paese: prevede tremila centri per accrescere le competenze e l’inclusione digitale di oltre 2 milioni di cittadini entro il 2026. Le Regioni sono i soggetti attuatori e gestiscono i fondi messi a disposizione degli Enti beneficiari.

6 centri

Il progetto del Comune di Padova prevede l’attivazione di sei centri, il primo detto “itinerante” sarà realizzato presso la sede del Settore Innovazione e Transizione Digitale e fungerà da coordinatore dell’intero progetto e delle iniziative che si svolgeranno sul territorio.
I cinque Centri saranno invece così distribuiti: Casa di Quartiere Arcella Q2 Nord, via Guasti Q3 Sud Est, Urp in Municipio, Sede Progetto Giovani, via dal Piaz Q6 Ovest.

Le attività che saranno svolte si basano sul quadro europeo DigComp (Digital Competence) e sono la formazione/assistenza personalizzata individuale svolta generalmente a prenotazione o a sportello per accompagnare i cittadini interessati nell’utilizzo di internet, delle tecnologie e dei servizi digitali pubblici e privati partendo dalle esigenze specifiche di ognuno e dalle sue competenze di partenza. Inoltre sarà attivata anche la formazione online attraverso l’accesso in autonomia ai materiali già disponibili nel sito di Repubblica Digitale o realizzati appositamente usufruendo di un percorso personalizzato. Infine è prevista la formazione di gruppi di persone in presenza e /o online attraverso micro corsi utili a svolgere esercitazioni, risolvere problemi pratici e usufruire di eventuali approfondimenti specifici.

Il progetto, iniziato nel 2023 con la partecipazione al bando regionale per l’ottenimento del finanziamento, prevede di attivare a brevissimo i sei Centri di Facilitazione e ha un orizzonte temporale triennale, che prevede il completamento e la rendicontazione per la fine di dicembre  del 2025.
L’obiettivo che il Comune di Padova si è dato è quello di “formare” o comunque aumentare le competenze digitali, di 4.800 cittadini.
Il traguardo sarà raggiunto anche grazie alla collaborazione, per la diffusione dell’iniziativa, dei Settori comunali interessati, delle Consulte di Quartiere, dell’Università, delle Associazioni di Volontariato e dei Patronati.

L’assessora all’Innovazione e transizione digitale Margherita Cera sottolinea

“Si tratta di un progetto molto importante perché si rivolge direttamente ai cittadini. La pubblica amministrazione sta digitalizzando progressivamente molti servizi ed è necessario che parallelamente gli utenti di questi servizi abbiano le capacità di usufruirne. Contemporaneamente questi Centri di Facilitazione insegnano ad utilizzare e ad approcciarsi in modo corretto e sicuro ai principali altri servizi, anche erogati da privati disponibili in rete. Pensiamo all’uso delle mail e alla capacità di riconoscere se un messaggio è autentico o è un tentativo di truffa, o al corretto e sicuro utilizzo della messaggistica istantanea o dei social. Dobbiamo raggiungere il maggior numero di cittadini possibile e questo sarà possibile solo con la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti nel progetto. Lancio quindi un appello soprattutto alle Associazioni della nostra città perché si facciano avanti per collaborare concretamente a questo progetto, sia per informare i cittadini dell’opportunità che offriamo sia, quelle che hanno già competenze nel mondo digitale, per collaborare come formatori nelle iniziative che realizzeremo. Padova è all’avanguardia nella transizione digitale e proprio pochi giorni fa abbiamo presentato nella sede della Regione Veneto a Bruxelles a Veneto Data Platform (My Data) di cui il nostro Comune é stato capofila e  tra i soggetti realizzatori, un progetto importante lato pubblica amministrazione, questo dei Centri di Facilitazione Digitale, altrettanto importante, chiude il cerchio sul versante dei cittadini fruitori dei servizi digitali”.
Il caposettore Innovazione e transizione igitale Alberto Corò sottolinea: “La pubblica amministrazione si sta digitalizzando il rischio è che questa scarsa competenza di molti cittadini in questo ambito si rifletta nella capacità di usufruire dei servizi  resi disponibili oramai sempre di più in modalità telematica. Il progetto è strutturato su tre macro voci: la prima è l’attività di sportello e di formazione in presenza e online, la seconda è la comunicazione cioè nell’informazione ai cittadini della possibilità di usufruire di questi Centri di Facilitazione per favorire l’accesso. La terza voce riguarda le dotazioni informatiche dei centri, che riguardano attrezzature abbastanza semplici, una postazione  con collegamento alla rete, uno schermo o un proiettore per poter svolgere l’attività formativa.  Non dobbiamo mettere in piedi poli tecnologici”.

Edonella Brescia, coordinatrice del progetto spiega

“La maggior parte dell’offerta formativa sarà attraverso i 5 Centri sia in presenza sia online. Ma attiveremo anche dei piccoli eventi per i quali utilizzeremo il Centro “itinerante”e poi  tutta la parte che verrà fatta con i corsi. Per questa stiamo attivando una rete  con tutte le associazioni attive in città, moltissime delle quali hanno già risposto in modo molto convincente ed entusiasta. Questi corsi saranno pensati ed organizzati per diverse tipologie di fruitori: anziani, ragazzi, stranieri donne, solo per fare alcuni esempi. E’ evidente che le necessità e le capacità possono essere molto diverse per ognuno di questi cluster.  Tutti hanno però bisogno di maggiore competenze generali”.
Massimo Sardena presidente della Consulta 6° commenta: “Saper usare i servizi digitali è un’esigenza molto sentita dai cittadini. In Consulta arrivano spesso persone che chiedono di essere aiutate a compilare un modulo online o a fare un’iscrizione  perché fanno fatica già a navigare in Padovanet. E’ un progetto ambizioso, sono previsti numeri importanti. Sono molto contento che si sia avviato questo progetto perché noi in Consulta ne avevamo parlato ma i nostri budget risicatissimi non ci permettevano di concretizzare iniziative simili”.

Carlo Forner presidente della Consulta 2 Nord spiega

“Noi con il Bilancio Partecipato abbiamo già realizzato con la Casa delle Donne un corso di digitalizzazione di dieci lezioni dedicato solo esclusivamente a donne perché abbiamo visto che molte di loro per motivazioni etniche e religiose non possono frequentare corsi misti. Questo è un esempio. Questo corso quindi sfonda una porta aperta e ringrazio quindi l’assessora Cera per averlo organizzato e per averci coinvolto come Consulte”.
Giuseppe Benetazzo, in rappresentanza della Consulta 4B dichiara: “Siamo molto contenti di questa  iniziativa, noi in passato avevamo realizzato qualcosa a Salboro, ma questo progetto è strutturato e diffuso su tutto il territorio.  Ringrazio l’assessora Cera, siamo molto contenti e certamente pronti a collaborare”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Padova, in arrivo sei “Centri di facilitazione digitale” per tutti i cittadini ancora poco avvezzi ad interne

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 28524 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.