Terremoto nel maceratese, scossa di magnitudo 4.7

macerata terremoto



La provincia di Macerata è stata svegliata attorno alle 5:11 di questa mattina, 10
aprile 2018, da una scossa di terremoto di magnitudo 4.7. L’epicentro registrato
dall’Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) è a 2 km da Muccia,
l’ipocentro a 9 km di profondità.

La scia sismica ha fatto registrare anche delle scosse di magnitudo 3.5 alle 5:46 e
alle 6:03, l’epicentro della prima è stato a 2 km da Muccia, il secondo a 2 km da
Pieve Torrina (MC). La profondità di questi episodi sismici si aggira sempre sui 9/10 km.

Il sisma è stato avvertito anche in Umbria e parte del Lazio e della Toscana.

Non è stato registrato nessun ferito, ma la paura tra i residenti è stata molta. Notevoli i danni a strutture e centri del maceratese già colpiti dal terremoto del 2016.

A Muccia è crollato il campanile della chiesa di Santa Maria di Varano, risalente al ‘600. Il sindaco di Pieve Torina ha disposto la chiusura delle scuole e proprio qui oggi si terrà un vertice con il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, e i sindaci dei comuni interessati dalla forte scossa per una verifica diretta della situazione.

La nota stampa dell’INGV

Questo terremoto, come gli eventi avvenuti avvenuti negli ultimi giorni in questa zona, ricadono nell’area della sequenza sismica iniziata il 24 agosto 2016 con l’evento di magnitudo Mw 6.0  avvenuto nei pressi di Amatrice e Accumoli (RI) e culminato con l’evento sismico del 30 ottobre 2016 di magnitudo Mw 6.5 . Tale sequenza si è gradualmente sviluppata interessando un’ampia fascia dell’Appennino centrale, un’area di circa 1200 km2, estesa per circa 80 km in direzione NNW-SSE e larga circa 15-20 km, dalla provincia di Macerata, nelle Marche, alla provincia dell’Aquila, in Abruzzo.

La zona interessata dai terremoti di questi ultimi giorni si era attivata a fine ottobre 2016, tra il 26 e il 30 ottobre, quando sono avvenuti alcuni dei più forti eventi sismici della sequenza: quelli del 26 ottobre di magnitudo Mw 5.4 e magnitudo Mw 5.9 e quello di magnitudo Mw 6.5 del 30 ottobre 2016.

Se si considera l’evoluzione temporale della sequenza sismica complessiva e l’energia rilasciata da tutti gli eventi sismici, si nota che negli ultimi mesi del 2017 sono stati localizzati una media di 30-40 eventi al giorno. I primi di marzo 2018 la sismicità è aumentata superando in un caso i 100 eventi al giorno e anche in questi primi giorni di aprile ha superato i 140 eventi al giorno. Questo aumento di sismicità è prevalentemente concentrato proprio nel settore più settentrionale del sistema di faglie attivato nel 2016, vicino ai comuni di Muccia, Pieve Torina, Pievebovigliana (MC). L’evento odierno rappresenta, quindi, un incremento di energia rilasciata rispetto agli ultimi due mesi di sequenza.

Secondo i dati accelerometrici, l’evento presenta accelerazioni di picco che corrispondono ad un’intensità strumentale su terreno roccioso pari al VI grado della scala MCS.

Paura nell’aquilano

Alle 06.40 l’Ingv ha registrato una scossa di magnitudo 3.3 a Ocre, in provincia de L’Aquila, dove nei giorni scorsi è stato celebrato il nono anniversario del terremoto del 2009.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...

Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 5826 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.