Almaviva, Fassina: “Tribunale Roma riconosce licenziamenti discriminatori”



«Oggi, il Tribunale di Roma ha annullato il licenziamento di un’altro gruppo di lavoratrici di Almaviva, il call center che a fine 2012 licenziò 1666 persone a Roma, “colpevoli” di rispondere no a un’ulteriore, drastico peggioramento delle condizioni di lavoro. Nell’ordinanza, i licenziamenti vengono annullati in quanto discriminatori e, grazie all’art 18 dello Statuto dei Lavoratori, viene disposto il reintegro. Viene anche riconosciuta, date le caratteristiche delle attività svolte, la possibilità di lavoro nella sede di Roma, strumentalmente chiusa dall’azienda. È un risultato importante, sebbene parziale per numero di lavoratrici e lavoratori coinvolti. Ora, l’azienda eviti ritorsioni e costruisca un rapporto positivo con le lavoratrici e chi le rappresenta. È soltanto l’inizio di una controffensiva sul lavoro nei servizi che deve portare alla riscrittura delle norme sugli appalti e sulle delocalizzazioni nell’ambito di un mercato unico europeo fondato sul dumping sociale e la svalutazione del lavoro».Così in una nota Stefano Fassina deputato di LeU

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 14225 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.