Salvini-Di Maio, si inizia a trattare: possibile accordo?

Salvini-Di Maio, si inizia a trattare: possibile accordo?



Inizieranno probabilmente oggi i primi incontri tra il leader della Lega Matteo Salvini e il candidato scelto del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio. Consultazioni che probabilmente continueranno anche domani e che saranno la prova di un governo Salvini-Di Maio. Primo punto sull’ordine del giorno ovviamente sono i due presidenti di camera e senato che dovranno essere presentati al presidente della Repubblica il 23 marzo.

Salvini-Di Maio, possibile l’accordo?

Da quello che si sa fino ad oggi è che c’è la volontà di DI Maio di non volere un governo tecnico, dall’altra parte Salvini ha ribadito la chiusura totale al PD per un governo di larghe intese. Quindi attualmente l’unica strada percorribile è senza dubbio un accordo Lega-M5S. Ma davvero è possibile un governo Lega-M5S?
Secondo alcuni lo stesso Berlusconi non avrebbe avuto pareri negativi ad un’alleanza con il M5S, ma la domanda che molti elettori pentastellati si fanno è “ma questo non andrà contro i principi del movimento stesso?”

Quello che è certo è che le consultazioni per i due presidenti saranno portate avanti da Di Maio, Salvini e da Martina per il PD. Ovviamente entrambi gli schieramenti che hanno ottenuto più voti vorrebbero la presidenza, addirittura Berlusconi avrebbe proposto lo stesso Salvini come presidente del Senato, cosa che al leghista non è piaciuta.

Ma quali possono essere i nomi dei candidati a camera e senato?

Secondo gli analisti politici la volontà è quella di dividersi i presidenti, da una parte il M5S
vorrebbe la presidenza del Senato, in quel caso alla camera arriverà il leghista Giorgietti,
già vice segretario del partito.
Nel caso che al Senato invece vada un leghista alla camera potrebbe arrivare il pentastellato Robero Fico già presidente della commissione vigilanza Rai.
Altri ipotesi che girano sono di Emilio Carelli per il M5S uomo che in passato ha avuto una vicinanza a Silvio Berlusconi e quindi potrebbe essere l’anello mancante e qualcuno fa il nome anche dell’attuale ministro dei beni cultarli Dario Franceschini.
Questo è senza dubbio il primo grande banco di prova per la formazione di un governo che porterà per la prima volta il M5S ad accettare un’intesa per cercare di evitare l’ennesimo governo tecnico.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 12842 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.