Casa delle Donne, Campidoglio: “No a strumentalizzazioni elettorali”

casa delle donne



 

Lo dichiarano le assessore di Roma Capitale Laura Baldassarre, Rosalba
Castiglione, Flavia Marzano in una nota esprimono il loro dissenso sulla
strumentalizzazione politica del contributo di 90mila euro erogato dalla
Regione.

Le dichiarazioni delle Assessore

La Casa internazionale delle Donne rappresenta un’esperienza storica e un patrimonio
inestimabile per tutta la città, sotto un profilo sociale e culturale. La sua storia non
merita strumentalizzazioni politiche e noi siamo impegnate da mesi, su mandato della
Sindaca, in un confronto costante con le rappresentanti del Consorzio, grazie a un
tavolo permanente attivato da questa amministrazione. Preferiamo, infatti, affidarci
alla forza di un lavoro certosino e quotidiano, piuttosto che a trovate elettorali.

Vogliamo valorizzare e salvaguardare questa esperienza, che ha rappresentato e
rappresenta un punto di riferimento per tantissime donne. Ma non è certo il
contributo offerto dalla Regione Lazio, pari a 90mila euro, che garantirà la Casa
Internazionale delle Donne a fronte del debito di oltre 800mila euro accumulato con
Roma Capitale per l’utilizzo della sede a Trastevere e che noi stiamo gestendo con un
confronto serio. Lo stanziamento regionale, quindi, non rappresenta in alcun modo
l’intervento ‘salvifico’ sbandierato dal presidente Nicola Zingaretti, aggiungono
le assessore.

Il canone agevolato

Ricordiamo che il canone agevolato corrisposto dalla Casa Internazionale delle Donne
a Roma Capitale per l’affitto di un immobile di proprietà comunale in zona Trastevere,
abbattuto del 90% rispetto al valore di mercato, è pari a 87.770 euro l’anno. Questo
significa che il Campidoglio rinuncia alla restante parte del canone garantendo al
consorzio un contributo pari, ogni anno, a 790mila euro. Va inoltre segnalato che
l’agevolazione è anche più consistente rispetto allo sconto dell’80% sul canone di cui
godono le altre realtà sociali e culturali che utilizzano immobili capitolini.

Le conclusioni

Proseguiremo quindi il tavolo con le rappresentanze della Case Internazionale delle
Donne per garantirne il futuro nel pieno rispetto delle norme. La situazione presenta
un’articolata complessità, ma ascolto e confronto costituiscono gli strumenti che ci consentiranno di trovare una soluzione condivisa e funzionale. Vista la sua recente disponibilità, invitiamo il Governatore a dedicare la propria attenzione anche a tante altre associazioni impegnate nel sociale e nell’assistenza a disabili e anziani, che sarebbero ben liete di ricevere contributi straordinari per le loro attività.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.