Beni archeologici di Fiumicino in gestione alle proloco

Portus Beni archeologici



“I beni archeologici di Fiumicino? Diamoli in gestione ad associazioni e Pro Loco o/e al comitato promotore”. È questa in sostanza la proposta formulata oggi in commissione congiunta Lavori pubblici e Cultura dal consigliere comunale di Noi con Salvini William De Vecchis.

Le dichiarazioni di De Vecchis

“Un territorio ricco di siti archeologici privati al pubblico: il museo delle navi chiuso dal 2002, la splendida Necropoli
di Porto aperta soltanto due giorni al mese, il porto di Claudio e Traiano, una bellezza pari a quella del Colosseo,
accessibile soltanto poche volte al mese” sottolinea De Vecchis.

“Valorizzare i nostri siti archeologici significa promuovere un progetto globale che possa inserire Fiumicino nei
percorsi turistico-culturali della Capitale. La soluzione? Un protocollo d’intesa con la Regione Lazio e gli enti
interessati per assegnare la gestione delle aree ad associazioni e ProLoco, ipotesi prevista anche dall’articolo 118 della
Costituzione Italiana che tratta nello specifico la Sussidiarietà e quindi della possibilità di dare in gestione i beni
comuni ad associazione riconosciute per meriti.

Con questa iniziativa si potrebbe dare la possibilità di organizzare convegni, escursioni e visite guidate che
riguardino i reperti storici del Comune, per rilanciare il turismo storico e culturale, facendo conoscere ai ragazzi e a
tutti i nostri concittadini gli importanti reperti archeologici presenti sul territorio di Fiumicino che oggi sono
abbandonati inaccessibili e soprattutto lasciati nel più totale degrado. Spero che questa iniziativa abbia il supporto di tutte le forze politiche, della società civile, ma soprattutto di tutti coloro che hanno a cuore i beni culturali del nostro
territorio”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.