Caso Nadia Pulvirenti, Meluzzi: “Non credo sia stata uccisa da una forchetta, probabile l’uso di un coltello”

coltello



Lo psichiatra Prof. Alessandro Meluzzi è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus, nel corso del programma “Genetica Oggi” condotto da Andrea Lupoli, per commentare il caso della 25enne uccisa da un suo paziente con disturbi mentali.

“Può capitare che un paziente divenga violento e il paziente deve essere trasferito in un reparto di diagnosi e cura in ospedale, in questo caso non c’è stato nemmeno il tempo. C’è un elemento però, il paziente 53enne Marocchino o ha ucciso questa ragazza con una posata, con un coltello da cucina, cosa che io non credo, oppure era un coltello che portava abitualmente in tasca come nelle abitudini di tutto un certo mondo culturale e geografico, cui questo signore apparteneva, in cui il coltello è simbolo di virilitàdi possesso e di necessità e viene maneggiato anche con una certa destrezza. Se questo fosse avvenuto bisogna accettare anche una certa leggerezza nel lasciare affidato ad una giovane ragazza un soggetto con queste caratteristiche e allora questo apre scenari che meritano una discussione: non basta fingere che la pericolosità sociale non ci sia perché non ci sia davvero“.

“La gestione delle strutture residenziali è un tema molto complesso. Sono luoghi in cui il tentativo di creare un ambiente umano e umanizzato collide con la possibilità che i pazienti possano andare incontro a scompensi improvvisi e a reazioni violente. Oggi, s’è possibile, la situazione è resa ancora più complicata dalla presenza di dinamiche interculturali”.

“Una donna uccisa a coltellate da un uomo di età adulta e di appartenenza alla cultura islamica è qualche cosa che deve far riflettere sulle dinamiche interculturali in atto”. 

Riguardo la gestione in casa di un paziente psichiatrico: “C’è stata una mitizzazione distorcente del gestire in famiglia il paziente psichiatrico. E’ un tentativo che ha dato risultati molto discutibili. Anche il più generoso dei tentativi quando diventa un’ideologia diventa una stronzata“.

“La vera malattia del manicomio era la sua risposta indifferenziata a domande diverse, nessuno ha nostalgia del manicomio ma purtroppo molto spesso il malato di mente tende a ricreare il manicomio dove va, soprattutto nella sua famiglia o in luoghi molto umani come questo splendido agriturismo in provincia di Brescia dove tra uno sfilare di polli e di oche e uno stormire di fronde, purtroppo una follia antica come un drago profondo che viene dall’inconscio, uccida una giovane vita in un tentativo generoso ma tecnicamente non adeguato”. 

AUDIO: http://www.tag24.it/podcast/alessandro-meluzzi-manicomi/

Fonte: Radio Cusano Campus

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.