L’Italia che dice NO!



Si è conclusa la tre giorni fiorentina della Leopolda, kermesse fatta ad uso, costume ed esaltazione d’immagine di Matteo Renzi. Nonostante la scenografia patinata ed amichevole, in realtà quanto visto sul palcoscenico è stato una sorta di incrocio televisivo al ribasso tra Uomini e Donne, Zelig e Buon Pomeriggio. Tante le parole e gli interventi ma nessun vero dibattito pubblico e spazio alla critica. Il padrone di casa ha affermato che alla Leopolda si è unita l’Italia che crea posti di lavoro. Premesso che il Partito Democratico, di cui il premier è segretario, governa dal 2011, oggi abbiamo il record di disoccupazione giovanile, ci sono oltre duecentomila esodati e il lavoro è un miraggio che mortifica le coscienze di molti non solo nel meridione. A quali posti di lavoro si riferisce? Quelli da quattordici ore quotidiane con retribuzione pari a 400 euro mensili, senza contratto o tutt’al più con partita Iva?

Mattero Renzi Leopolda 2Il fiorentino Matteo dal palco tuona che sconfiggerà l’Italia che non vuol cambiare. Sì, perché c’è un’Italia che non accetta i cambiamenti imposti dal politico in camicia bianca: ci sono italiane e italiani che non vogliono umiliare i propri diritti fondamentali che vanno da quelli lavorativi all’acqua pubblica, per passare all’istruzione, difesa e sanità. La finzione mediatica raggiunge l’apice quando Renzi evidenzia che è stato il primo ad aver abbassato le tasse. Senza annoiarvi con una lista di tasse che abbiamo pagato in più perché non voglio attentare alla salute del vostro fegato, vi ricordo che circa venti miliardi della manovra aggiuntiva varata dal governo Renzi (quante volte in estate ha ribadito che non l’avrebbe fatta?), non hanno copertura certa (nel frattempo, alla faccia dell’Ice Bucket ferragostano, sono stati tagliati ben cento milioni di fondi destinati ai non autosufficienti, compresi i malati di Sla). Si applicherà, qualora dovessero mancare i fondi, il meccanismo della compensazione, che prevede l’aumento indiscriminato della tassazione.

Il contraddetto dalle sue azioni snocciola numeri e li spara sul consenso; dice che il 40% degli elettori è con lui. Sbaglia, in malafede, due volte a mio avviso. La prima perché lui per primo tenne a dire che le elezioni europee non avevano alcuna valenza politica e non erano un voto sulla sua persona (in fondo non è stato neanche eletto per il parlamento). La seconda perché ha votato solo la metà degli italiani (nel meridione addirittura solo quattro su dieci) quindi non si capisce a che titolo parli anche per gli astenuti. Non dimentichiamo che il Pd a maggio ha preso meno voti del Pd capitanato da Walter Veltroni. La verità è che mentre aspettiamo da maggio la legge elettorale, intorno a Renzi si sono coagulati gli interessi di chi vuoi per 80 euro o perché amico delle assicurazioni, banche, cooperative, caste professionali, municipalizzate, substrato amministrativo e burocratico targato Pd. Per loro è indifferente il nome di chi governa; hanno a cuore esclusivamente la tutela dei propri interessi. Fingono di voler cambiare tutto ma alla fine non cambiano nulla: esempio è quello che hanno fatto con le province. Costoro, a differenza di chi è rimasto schifato dalla politica nostrana, non perdono occasione di assicurarsi il futuro con una croce (l’astensione li premia….).

Va detto, ad onor di cronaca, che tra gli ammiratori renziani c’è chi come Sergio Marchionne fa pagare le tasse del gruppo che amministra all’estero, ma fa gravare sulle nostre tasche la cassa integrazione dei suoi operai (ricordate la Fabbrica Italia?). Renzi fa sapere che vuol restituire al paese il futuro. Come, rinnegando i diritti acquisiti nel passato?

Articolo 18 protestaQuestione articolo 18, il gettone nell’i-Phone. Leggete cosa ebbe a dire l’innovatore tecnologico in un’ospitata da Michele Santoro appena due anni fa: “Ho detto sull’articolo 18 e lo ripeto qui che non ho trovato un solo imprenditore, in tre anni che faccio il sindaco, che mi abbia detto: “Caro Renzi, io non lavoro a Firenze o in Italia, non porto i soldi, perché c’è l’articolo 18” Nessuno me l’ha detto. Non c’è un imprenditore che ponga l’articolo 18 come un problema. Perché, mi dicono, c’è un problema di burocrazia, di tasse, di giustizia, non dell’articolo 18. E non ho mai trovato neanche un ragazzo, precario, che mi abbia detto: “Sogno l’articolo 18”. Per quello che mi riguarda l’articolo 18 è un problema mediatico. E’ un problema che si è posto soltanto nel dibattito mediatico”. Oggi l’articolo 18 ha conquistato il dibattito mediatico grazie all’abolizione del reintegro in caso di ingiusto (leggi ti sei ammalato o rifiutato di fare l’ennesimo straordinario? Fanculo, a casa!) licenziamento. In Renzi la coerenza è stata abolita da un po’ di tempo.

Ospite d’onore della Leopolda è stato l’ideologo finanziere finanziatore Davide Serra, quello che Pierluigi Bersani definì “il bandito delle Cayman”. Bene, cosa dice chi scommette in borsa sui ribassi (leggi crisi)? Che lo sciopero generale aumenta la disoccupazione. Dimentica sia che lo sciopero, seppur abusato negli ultimi tempi, è un diritto dei lavoratori, sia che a far aumentare i senza lavoro c’è il suo amico Renzi. Quest’ultimo dice che la Leopolda è una sorta di garage: è vero. Un garage dove è facile trovare Ferrari, Porsche, Jaguar, auto blu. Per carità, nessuna invidia sociale. Però se vuoi davvero essere il premier di tutti, nel garage devono esserci soprattutto le Panda, le Fiesta, le Clio; sono queste le auto (per chi ancora può permettersi un’assicurazione) di chi manda avanti il nostro paese. Gli aforismi stile frasi Baci Perugina potranno conquistare qualcuno, ma sono convinto che non conquisteranno la maggioranza degli italiani.

80 euro RenziCi sono italiani che dicono no a questa brutta favola. Dicono no a pensioni da fame, no al precariato a vita, no a un sistema malato che non riconosce nessuna tutela, no allo sfruttamento di mano d’opera qualificata, no alla schiavizzazione della propria esistenza nonostante i sacrifici sui libri universitari, no all’impunità degli amministratori locali, no al predominio del mercato sull’uomo.

C’è un’Italia che dice sì alla giustizia sociale, sì alla meritocrazia, sì ai doveri civici, sì all’uguaglianza di tutti innanzi alla legge, sì all’aiuto di chi è rimasto indietro, si a rimettere la donna al centro delle politiche lavorative (non saranno mica 80 euro in più a spingerci a fare più figli), si ad una sanità efficiente, si a forze dell’ordine gratificate, si a una scuola maestra di cultura e di vita, sì alla sovranità monetaria, si a infrastrutture utili per la collettività, sì al continuo cambio di posto lavoro come sì agli ammortizzatori sociali per tutti, si a chi ci governerà passando per le elezioni. Siamo la maggioranza; spetta a noi, da qualunque posizione politica, dire sì e no e agire di conseguenza.

Alfredo Di Costanzo

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 21428 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.