Suzuki Rally Trophy: al Rally Adriatico vince il veneto Stefano Strabello

 

  •  Il quarto round della serie monomarca di Suzuki Italia, corso sugli sterrati marchigiani, è dominato dai giovani piloti.
  • Stefano Strabello, in coppia con Paolo Scardoni, sulla Suzuki Swift Sport 1600 nei colori Destra 4, si impone in gara 1.
  • Lorenzo Coppe e Giacomo Poloni della Millennium Sport Promotio si aggiudicano Gara 2.
  • Stefano Martinelli e Pietro Brugiat della G.R. Motorsport sono secondi in gara e rafforzano, così, la leadership nella graduatoria generale.

Tappa dopo tappa, la Suzuki Rally Trophy supera la boa di metà calendario e  si appresta a vivere la seconda parte della stagione con Stefano Martinelli al comando; ma i giovanissimi Stefano Strabello e Lorenzo Coppe sono molto vicini a strappargli la leadership. Già al Rally del Ciocco, infatti, Stefano Strabello aveva lasciato intuire un notevole potenziale; al successivo Rally di Sanremo sono per lui arrivati i primi tangibili risultati e al Rally Adriatico il giovane veronese ha conseguito la prima e chiara affermazione.

E’ stata la gara disputata sui veloci sterrati marchigiani a mettere le ali ai piedi a Strabello junior. Il papà Paolo è trofeista Suzuki, sa come va guidata la compatta Swift Sport 1600 e non ha faticato ad insegnare la parte al figlio Stefano il quale, dopo un primo periodo di acclimatamento, ha superato ogni aspettativa, diventando uno dei più veloci della serie monomarca e, soprattutto, su ogni tipologia di fondo. Vincendo sugli asfalti sanremesi, ha poi sorpreso tutti sullo sterrato all’Adriatico.

Il veronese è però stato in parte aiutato dall’improvvisa ed inattesa uscita di scena di Lorenzo Coppe in Gara 1, fermato da un’uscita di strada e dalla conseguente fuoriuscita dall’alloggiamento del semiasse nella terza prova speciale, quando era in testa alla classifica con quattordici secondi di vantaggio su Strabello. Il giovane bellunese non è stato fortunato nella prima tappa, nella quale s’era aggiudicato anche la Power Stage; si è ripreso nella successiva giornata durante la quale ha ancora una volta dimostrato il suo feeling con gli sterrati dell’Adriatico – lo scorso anno si mise in luce proprio sulle prove speciali – cogliendo una sonante affermazione di tappa 2.

Una prima posizione, seppure parziale, che gli permette di segnalarsi tra i tre pretendenti al titolo.

Tre sono, infatti, i piloti che si contendono le posizioni di vertice della serie monomarca ed è Stefano Martinelli quello più in evidenza: uomo da classifica e sempre più leader della classifica generale, nonostante si trovi spesso a pilotare una Swift Sport che non lo soddisfa pienamente.

Iniziata la stagione con la perentoria affermazione al Ciocco, al Sanremo ed all’attuale Adriatico ha colto piazzamenti importanti, senza, però, riuscire a tornare sul gradino più alto del podio.

Il lucchese conclude in seconda piazza la gara marchigiana, difendendosi alla grande dagli attacchi dei due ragazzini terribili, tenacemente ancorato a posizioni che gli permettono di incasellare punti pesanti in ottica del proseguo della stagione.

La terra di mezzo dell’Adriatico, giro di boa del campionato, permette ancora ad Andrea Scalzotto di tornare a Vicenza con la soddisfazione di aver ottenuto tempi molto interessanti, molto vicino ai piloti più esperti: autore di gare veloci e prive di sbavature, che gli hanno permesso di salire sul podio in due occasioni su tre, porta a casa, anche in questa occasione, una terza piazza che vale molto per il morale e la classifica. La prima annata nella Rally Trophy per il pilota della Funny Team, in coppia con il navigatore Fabio Andrian, è tutta nuova, tutta da scoprire e interpretare e rappresenta una sorta di esame che sta superando in modo brillante, gara dopo gara.

Roberto ed Herbert Antonucci, con la Suzuki Swift Sport della Wrt-Winners Rally Team, chiudono quarti il traguardo di Cingoli.

loading...