Orte, dichiarazioni degli alluvionati del 2012

Non ci stanno, gli alluvionati di Orte dall’esondazione del Tevere nel 2012, non ci stanno e proseguono per la loro strada convinti e sicuri che le risposte arriveranno.

Risposte cercate nella sede del Tribunale di Viterbo dove nel 2015 i danneggiati dall’esondazione del fiume Tevere nel Comune di Orte, hanno depositato un esposto contro chiunque avesse avuto la responsabilità di informare dell’imminente pericolo che si sarebbe verificato nella serata del 12 novembre al 14 novembre del 2012.

Infatti l’accusa mossa dalle venti persone firmatarie l’esposto, volto ad accertare se le procedure di allertamento comunale vennero rispettate secondo quanto previsto dalla legge, poiché nessuno le informò tano che alcune vennero portare fuori dalle proprie abitazioni con mezzi di fortuna utilizzati dai Vigili del Fuoco di Viterbo per la circostanza.

Quattro i milioni di euro di danni complessivi. Poco meno di due milioni di euro il danno complessivo tra imprese e privati cittadini certificato ufficialmente dalla richiesta (e riconosciuta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri) dello stato di calamità presentata dal Comune di Orte nel 2013.

Oltre un migliaio gli animali morti che vennero seppelliti da una ditta privata in località Torre di Bofo – Orte (area molto vicina ad una delle falde acquifere che rifornisce di acqua potabile lo stesso Comune) e di cui all’Albo Pretorio non vi è traccia dell’interramento.

Una denuncia pesante che vede indagato il sindaco di Orte di allora Dino Primieri oggi consigliere di opposizione del gruppo politico Idee Chiare. Un fascicolo di oltre trecento pagine vagliato inizialmente dal pubblico ministero, Renzo Petroselli che appunto portò ad indagare Primieri. Poi per il pensionamento dello stesso Petroselli tutto è passato nelle mani del pubblico ministero Chiara Capezzuto la quale invece recentemente, ci informano i legali delle parti offese, ha proposto l’archiviazione al giudice per le indagini preliminari.

Una richiesta di archiviazione subito impugnata dai legali che hanno ritenuto ci fossero elementi di fatto e di diritto contradittori tra quanto espletato nelle indagini del Pubblico Ministero Capezzuto e gli elementi oggettivi – facilmente reperibili sul web – che mostrano una realtà dei fatti totalmente diversa (immagini, articoli di stampa, video pubblici, magazine giornalistici ecc..).

Contraddizioni che pesano come macigni anche tra le dichiarazioni presenti nei verbali dei Carabinieri di Orte e nei verbali dei Vigili del Fuoco e della Croce Rossa Italiana inseriti tutti nel fascicolo.

Danneggiamento e omissione di atti d’ufficio i capi a carico dell’ex sindaco Primieri.

Per questi motivi, lo studio legale romano, si è opposto con fermezza a questa “inaspettata” richiesta del pubblico ministero dato che per gli stessi fatti e per gli stessi eventi, a Genova nel 2011 venne subito rinviato a giudizio l’ex sindaco Marta Vincenzi (poi in primo grado condannata) e per i fatti analoghi nel 2014 sempre a Genova ci fu il rinvio a giudizio del Responsabile della Protezione Civile.

Lo studio legale ha dichiarato di chiedere al Giudice per le Indagini Preliminari la valutazione della possibilità della modifica del capo di imputazione nei confronti dell’indagato con motivazioni che dichiareranno direttamente in sede d’udienza.

Determinati a volere la verità, la battaglia per essa è importante a e breve, ci dicono i legali, vedrà l’attenzione dei media nazionali.

Riceviamo e pubblichiamo