Moby Prince, Chessa: “Qualcuno ha deciso che su quella nave non c’era nessuno da salvare ma non era così”

Una foto d'archivio del traghetto Moby Prince in fiamme davanti al porto di Livorno dopo la collisione con la petroliera Agip Abruzzo, la notte tra il 9 e il 10 aprile 1991. ANSA/ARCHIVIO

 




Il Professor Luchino Chessa, figlio del comandante della Moby Prince Ugo Chessa, è intervenuto ai microfoni di “Legge o Giustizia” su Radio Cusano Campus per commentare le ultime novità sulla tragedia emerse dalle audizione della Commissione d’Inchiesta al Senato. L’unico superstite del disastro, Alessio Bertrand, ha affermato di non aver mai detto ai soccorritori che a bordo della Moby Prince erano tutti morti. Anzi, aveva detto che c’era ancora gente da salvare. “Aumenta la nostra rabbia perché non è stato fatto nulla – afferma Chessa – insomma, qualcuno ha deciso che quella notte non c’era nulla da fare ed invece non era così. Una delle principali novità emerse finora è che i soccorsi non sono mai stati attivati, nessuno ha pensato al Moby Prince, nessuno ha pensato di salvare le persone”. Molto importante il lavoro della Commissione d’inchiesta: “Non ha fatto nulla di nuovo. Ha preso le carte processuali riesaminando il puzzle che era stato ricostruito. Sta emergendo un quadro che è completamente diverso da quello raccontato nei processi. È stato chiarito, per quanto riguarda la sopravvivenza a bordo, che non sono morti tutti bruciati in 20-30 minuti come riportato dai processi. Sono passate delle ore, questo ormai è evidente”. Alcune “cause”, come la nebbia o la distrazione, sono ormai superate: “La nebbia, ormai, è da archiviare. Non è mai esistita. Anche il discorso della rotta del traghetto non è come è stato detto durante il processo, cioè che la nave andava dritta verso Olbia ed ha preso la petroliera. Invece c’è stata una virata, forse per evitare un natante che si è messo in mezzo come una bettolina o altro”. “L’ultima inchiesta, finita come tutti sanno, è stata drammatica. Si è detto che il comando del traghetto era distratto e che i figli del comandante hanno fatto spendere soldi della giustizia in maniera inadeguata. Ora la Commissione sta dimostrando il contrario”.

Fonte: Radio Cusano Campus