27 febbraio 2017

Il Margutta, “Round Midnight” lunedì 20 febbraio Jim Porto in concerto

L’EVENTO – Lunedì 20 febbraio, alle ore 21:45, presso il ristorante vegetariano Il Margutta (in via Margutta 118),  a Roma, nuovo appuntamento con “‘Round Midnight”, il Margutta Jazz festival, ideato e organizzato dalla titolare Tina Vannini, con la preziosa collaborazione di Ginasky Wop. Protagonista della serata sarà Jim Porto, che si esibirà con Daniele Basirico al basso e Mauro Salvatore alla batteria. Durante il concerto, anche le domande e gli interventi di Max De Tomassi, critico musicale e  conduttore dello storico programma “Brasil” di Rai Radio Uno, consulente in Brasile di molti artisti italiani.

Jim Porto – “Jim” Jorge Gonçalves Porto è un cantante, compositore e pianista brasiliano di origini italiane. Virtuoso del jazz samba, è considerato uno dei massimi esponenti della musica brasiliana in Italia. Jim, dopo tante collaborazioni a Roma, ha collaborato per anni con jazzisti come Roberto Gatto e Michele Ascolese e sono molteplici le sue partecipazioni a grandi festival jazz in tutta Europa. A “Rio” seguiranno altri album e partecipazioni a importanti eventi in tutto il mondo: dal Festival di Praia di Capo Verde a Buenos Aires, da Barcellona al Festival etno-jazz di Tabarka in Tunisia, fino a ritornare al suo Brasile. 

ALTRE INFORMAZIONI  – Ingresso libero con consumazione obbligatoria. E’ anche possibile prenotare un tavolo per cenare durante il concerto. Gli appuntamenti proseguiranno a marzo in calendario Aldo Farias, il 13, Setak il 20 e Alteria, il  27. Il 10 aprile si esibirà Lorenzo Hengeller, mentre Dora Sisti l’8 maggio. Il concerto finale, che prevede la partecipazione di tutti i cantanti, è previsto per il 19 giugno. Le date potrebbero subire delle variazione: si prega di consultare la pagina Facebook e il sito del locale per gli ultimi aggiornamenti.

About Emanuele Bompadre 9056 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.