Giallo di Arce: la figlia del Brigadiere Tuzi “Papà non si è suicidato, è stato ucciso”

 




La Procura di Cassino continua a indagare per istigazione al suicidio sulla morte di Santino Tuzi, il brigadiere dei carabinieri di Arce trovato cadavere nel 2008 all’interno di un’auto parcheggiata vicino la diga dello stesso paese ciociaro. Tuzi fu trovato morto, ucciso da un colpo di pistola, pochi giorni dopo esser stato ascoltato come testimone nell’ambito delle indagini per il delitto di Serena Mollicone assassinata sempre ad Arce nel giugno del 2001. Tuzi morì tre giorni prima del confronto che avrebbe dovuto avere con il suo ex comandante, Franco Mottola. Per l’omicidio di Serena sono iscritti nel registro degli indagati proprio l’ex comandante della stazione dei carabinieri di Arce Franco Mottola, sua moglie Anna e il figlio Marco con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere.

A ‘La Storia Oscura’ su Radio Cusano Campus, Maria Tuzi, figlia del brigadiere Santino ha rilasciato dichiarazioni importanti: “I rapporti tra mio padre e il maresciallo Mottola non sono mai stati idilliaci. Il suo superiore gli faceva molte pressioni per quanto riguarda il lavoro e per questo fu anche trasferito dalla caserma di Arce a quella di Fontana Liri, proprio per incompatibilità con Mottola. I rapporti non sono mai stati buoni ma la situazione precipitò dopo l’omicidio di Serena Mollicone. E comunque –ha aggiunto Maria Tuzi- resto del tutto convinta che mio padre non si è suicidato e se lo ha fatto non lo fece certo per motivi sentimentali come fu ipotizzato in un primo momento dagli inquirenti. Se mio padre veramente si suicidò, lo fece solo per proteggere la sua famiglia. Mio padre aveva voglia di vivere, aveva progetti per il futuro: aspettava con ansia di andare in pensione, gli mancava poco, per poter fare il nonno a tempo pieno e quindi dedicarsi al nipotino. Se avesse avuto l’intenzione di suicidarsi penso che non mi avrebbe detto certe cose. Inoltre, mio padre nei suoi ultimi giorni di vita non aveva dato alcun segnale di nervosismo, appariva normale, non aveva preoccupazioni, non era affatto depresso e non ha mai fatto uso di psicofarmaci e questo me lo ha confermato anche il medico di famiglia che aveva un bel rapporto con lui. E soprattutto – ha concluso Maria Tuzi – è quanto meno strano che un uomo che decide di suicidarsi, pur amando la sua famiglia, non lascia nemmeno una lettera di addio”.

 

Fonte Radio Cusano Campus