4 dicembre 2016

Caso Corona, l’avv. Bocciolini: “Potrebbe finire a zappare. Facciamo curare chi partecipa alle sue serate”

“Corona potrebbe andare in una casa agricola per tre anni”. Lo dice l’avvocato Daniele Bocciolini, intervenuto ai microfoni di “Legge o Giustizia” su Radio Cusano Campus (www.unicusano.it), commentando l’ultimo arresto del noto fotografo.

“Corona si è giocato male l’affidamento in prova. L’avvocato Chiesa aveva fatto un grande lavoro per toglierlo dal carcere. Chi lo ha tenuto in osservazione aveva detto che Corona era migliorato, si era redento. Le misure alternative, in Italia, non funzionano”. Secondo Bocciolini “la questione non è l’aver violato una prescrizione o aver fatto una serata non autorizzata. Qui si parla di riciclaggio, di interposizione fittizia, è intervenuta la Direzione distrettuale antimafia. Immagino si sospetti che i soldi non siano solo dalle serate. Non prendiamoci in giro. Certo, tutto è possibile ma secondo il servizio delle Iene prendeva in nero circa 3mila e 500 euro ad ospitata. Per arrivare ad un milione e 670mila euro deve aver fatto, dal 2016 ad oggi, 485 serate. Tutto può essere possibile ma chi lo invita resta un imbecille. Poi, lo invitano in qualità di cosa? È stato patentato come “delinquente professionale”, quello che gli contesta la Boccassini. Inoltre, avendo riportato una serie di condanne per reati della stessa indole si presuma che viva con i proventi di quei reati. Questo comporta, in caso di condanna, una misura di sicurezza particolare, ovvero la permanenza in colonia agricola o casa di lavoro per almeno tre anni. Quindi non lo vedremo in televisione ma nei terreni agricoli”. Bocciolini si scaglia anche contro colleghi e opinionisti televisivi: “Mi chiedono sempre “come mai Schettino si è preso una pena quasi più bassa rispetto a quella di Corona?” Sono demagogie dette da incompetenti ma anche da avvocati e criminologi che vanno in televisione a dire stronzate. Forse non hanno mai aperto un codice di procedura penale. L’opinione pubblica reputa un reato contro il patrimonio e il fisco meno grave rispetto ad un reato contro la persona. È peggio per gli italiani dare uno schiaffo piuttosto che rubare, corrompere o truffare. Corona ha otto condanne definitive ed ha comunque sempre avuto un trattamento privilegiato rispetto ad altri. 

Cosa diranno ora i vari Adriano Celentano o i Marco Travaglio? Celentano chiese addirittura la grazia per Corona. Vorrei capire cosa chiederanno ora tutti gli intellettuali. Vorrei anche parlare con Don Mazzi per sapere come ha reagito. Forse bisognerebbe far curare, magari sempre da Don Mazzi, quelli che si fanno le foto con Corona o che vanno alle sue serate”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcasts/10574.mp3

Fonte: Radio Cusano Campus