2 dicembre 2016

Sanità si, sanità no!

Come decifrare certe situazioni di malessere da parte di chi soffre mesi e mesi all’interno di una struttura ospedaliera, dove per un destino crudele e perverso, ci si trova ad affrontare una emorragia cerebrale, ed un intervento chirurgico invasivo.
La lunghissima degenza, la sofferenza fisica e psicologica, ritrovarsi con parte del corpo non autosufficiente, dove con oltre quaranta medicinali al giorno, il fisico reagisce in modo inverso, dando origine ad infezioni che attaccano organi interni in maniera drastica ed invalidante.
Dopo settimane di sofferenze, finalmente uno spiraglio di luce, i valori iniziano a normalizzarsi, il fisico, anche se a fatica, risponde in parte, alle sollecitazioni del cervello.
Una analisi per verificare la possibilità di poter essere dimesso, il breve viaggio in barella, la rottura di una delle ruote, una caduta violenta, con colpo alla testa, che causa uno stato di coma.
Altre settimane di sofferenze atroci, la non certezza di riuscire a venirne fuori, ritrovarsi con mezzo corpo paralizzato, per una “ruota” difettosa di una barella, con le scuse della direzione sanitaria, “sono cose che accadono, a chi lavora” la denuncia alle autorità da parte della famiglia, dove viste le lungaggini burocratiche della nostra giustizia, si profilano anni di attese per risposte che non arriveranno forse mai.
Improvvisamente l’annuncio delle dimissioni dalla struttura ospedaliera,
dove viene data la più banale delle giustificazioni, “abbiamo fatto il possibile, oltre non sappiamo più cosa fare”
Scontata la richiesta di un centro di riabilitazione, per il recupero motorio, almeno in parte, di un fisico, martoriato, dalla negligenza e dalla superficialità di una certa classe dirigenziale dei “baroni in camice bianco”
Risposta come prevedibile negativa, al
momento, nel Lazio non si dispone di una struttura di eccellenza disponibile per carenza di posti.
L’alternativa?
Traslocare in altra regione, a centinaia di chilometri di distanza dalla regione di appartenenza, avendo però le amicizie giuste per poter accedere ad una struttura riabilitativa adeguata, con grandissimo dispendio economico per la famiglia del paziente, il dubbio a questo punto sorge spontaneo:
“Sanità si, Sanità no!”
Gaetano Di Staso