6 dicembre 2016

Martino Landi, presidente benzinai: “No ad un’altra accisa, non siamo il bancomat dello Stato”

“Non siamo gli esattori fiscali dello Stato”. Così Martino Landi, presidente della Federazione Autonoma Italiana Benzinai, risponde a Radio Cusano Campus (www.unicusano.it) alle indiscrezioni secondo le quali il Governi Renzi starebbe pensando all’ennesima accisa sulla benzina per il terremoto che ha colpito le zone di amatrice e Accumoli.

“La storia ci insegna che queste accise, quando se ne parla, vengono poi applicate – dice al programma “Legge o Giustizia” condotto da Matteo Torrioli – mi auguro si smetta di considerare il settore carburanti come il bancomat dello Stato. Questa teoria è quella che è stata messa in atto da tutti i governi, negli ultimi trent’anni, di destra o sinistra. Non credo sia opportuno intervenire in questo senso, nel rispetto ovviamente delle popolazioni colpite dal terremoto che hanno estrema necessità di aiuto”. Un’ulteriore accisa non porterebbe, secondo Landi, nessun beneficio: “È solo un’ulteriore tassazione che comprime l’economia e non fa aumentare il PIL. Il carburante incide in modo cospicuo sui costi dei prodotti che adoperiamo. In Italia la movimentazione delle merci avviene per l’80% su gomma: un’accisa aumenterebbe il costo delle merci per il consumatore finale”. Dalle accise all’Iva: la presenza dello Stato alla pompa di benzina è eccessiva secondo Landi: “In Italia si vendono 30 miliardi di litri di carburante all’anno. Su ogni litro di carburante di benzina, quasi il 70% se ne va in tasse.  Le accise sono entrate che vanno allo Stato che poi garantisce i servizi ai cittadini. Purtroppo non vengono tolte, anche quando cessa l’emergenza per la quale erano state istituite: se c’è una situazione particolare, si potrebbe inserire un’accisa ma con il decadimento automatico dopo un tot di tempo”. Landi si rivolge a Matteo Renzi: “Il Governo deve trovare soluzioni alternative per trovare quelle risorse necessarie per aiutare i terremotati. Siamo esattori dello Stato a costo zero. Se un gestore vende in un giorno 1000 litri di benzina, con 1500 euro di incasso, 1000 euro sono di accise e tasse. Inoltre, i benzinai subiscono tante rapine: quando gli portano via i soldi tocca sempre ai benzinai reintegrare allo Stato i soldi per le accise e l’Iva. Vista la grande frequenza di furti registrati, tanti colleghi non trovano nemmeno più un’assicurazione contro furti e rapine”.

Fonte: Radio Cusano Campus