3 dicembre 2016

Festival delle culture mediterranee ad Andrano dal 30 agosto al 2 settembre

Tutto pronto ad  Andrano per il Festival delle Culture Mediterranee che partirà il 31 di agosto e si concluderà il 2 settembre nella splendida cornice del Castello. La straordinaria manifestazione, organizzata dall’Associazione Mediterranea, è  giunta alla terza edizione.   Al centro dell’evento la Mostra “Il  Mediterraneo dell’Anima” che ospiterà le opere di 31 artisti provenienti da tutta Italia. Quest’anno il Festival ospiterà anche una “personale” del Maestro Giuseppe Corrado, insigne artista salentino scomparso recentemente, che sarà allestita nella Chiesa del Convento dei Domenicani. La Manifestazione sarà inaugurata alla presenza dell’artista Josè Van Roy Dalì  e incrocerà il suo percorso umano e culturale con quello degli artisti presenti. Anche il teatro sarà presente con “Dimenticare Medea”, rappresentato dall’Accademia Mediterranea dell’attore, diretta da  Franco Ungaro con la regia di Tonio De Nitto. La musica sarà presente nelle tre serate del  Festival attraverso il suono di artisti locali che disveleranno ai presenti le sonorità popolari e colte attraverso un mix di generi che accompagneranno le tre serate. Il Festival sposa il progetto umanitario di Emercency, presenti alla terza, l’associazione  italiana nata nel 1994 per offrire cure medico-chirurgiche gratuite e di elevata qualità alle vittime delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà, promuovendo una cultura di pace, solidarietà e rispetto dei diritti umani.  “Abbiamo voluto una manifestazione che approfondisse i linguaggi dell’arte e della cultura”, dice Margherita Franja, direttrice artistica del Festival. “Il nostro Festival punta a valorizzare il percorso umano e spirituale di tanti artisti che hanno il coraggio di esplorare nuovi linguaggi e nuove forme espressive. Dietro ciascuno di loro ”prosegue la Franja” c’è una storia ed un vissuto che meritano di essere indagati e ammirati. Per questo il Festival mette a disposizione di ciascuno uno spazio che non è un semplice luogo fisico ma l’idea di una comunità generativa di vita artistica. La manifestazione si propone di accogliere e sostenere tutti i linguaggi dell’arte e della cultura e di raccoglierli in uno scambio fecondo tra le diverse esperienze.” “Siamo contenti di proseguire in questa impresa” dichiara Mimmo Balestra, Presidente dell’Associazione Mediterranea” che ci vede impegnati da tre anni con numerose iniziative che trovano il momento culminante nel Festival delle Culture Mediterranee. Il nostro intento” prosegue Balestra”  è quello di proseguire nell’opera di promozione artistica e culturale di tanti artisti e di creare quelle connessioni virtuose che permettono la crescita dei singoli e delle Comunità nel più ampio contesto delle culture del Mediterraneo.” Il Festival accoglierà l’importantissimo “Progetto Mediterranea” una spedizione culturale, scientifica e nautica che ha alle spalle cinque anni di navigazione per tutto il Mediterraneo, il Mar Nero e il Mar Rosso settentrionale e che ha incontrato intellettuali e artisti, effettuando ricerca oceanografica, formando uomini di mare e comandanti. Simone Perotti e Francesca Piro, responsabili del Progetto, racconteranno la loro esperienza e spiegheranno gli obiettivi che si propongono di portare avanti nei prossimi anni. Accanto agli appuntamenti culturali verrà offerto ai visitatori un contatto con i sapori del cibo.  Infatti, nella splendida cornice del Parco Sandro Pertini, sarò allestito un eccezionale Percorso Degustativo con la presenza di eccellenze della produzione agro-alimentare e vinicola.