La Commissione Mobilità ha esaminato le questioni relative alla chiusura della Funicolare Centrale

La Commissione Infrastrutture, Lavori pubblici e Mobilità ha fatto il punto oggi, con i responsabili degli uffici comunali competenti e tecnici e dirigenti dell’Anm, sui lavori che stanno interessando la Funicolare Centrale. La Commissione ha anche programmato approfondimenti sui cantieri di Piazza Garibaldi e di Via Marina, da effettuare con riferimento al sistema dei trasporti e, soprattutto, alle problematiche della viabilità e della sicurezza.

La Commissione presieduta da Gaetano Simeone ha ascoltato la dirigente dei servizi comunali Realizzazione e manutenzione linea metropolitana 1 e 6, ing. Serena Riccio, il direttore dei lavori della Funicolare Centrale, ing. Ferrentino, e il responsabile Anm per i servizi alternativi, ing. Parimbelli, per essere aggiornata sulla situazione dei lavori alla Funicolare Centrale. Domande specifiche sono state poste dal presidente Simeone e dai consiglieri Esposito (PD), Langella (Prima Napoli), Lebro (La Città) sui tempi previsti, sulla gara svolta, sui servizi alternativi predisposti a beneficio dei moltissimi utenti che, soprattutto con l’inizio delle scuole, subiranno disagi a causa della chiusura.
I lavori hanno una durata di 10 mesi, e quindi si concluderanno entro giugno del 2017; il loro costo è di 8 milioni e 160mila euro; riguardano adeguamenti previsti per legge, come la sostituzione dell’argano, delle funi e la revisione delle vetture, e lavori di sistemazione delle stazioni. La gara, che è stata aggiudicata con il sistema dell’offerta economicamente vantaggiosa, prevede le penali di legge in caso di ritardi, ma anche una premialità in caso di chiusura anticipata dei lavori. Ai responsabili tecnici dei lavori è stato chiesto di fornire alla Commissione un report mensile sull’andamento dei lavori stessi e sul cronoprogramma complessivo affinché la Commissione stessa possa esercitare il proprio ruolo di indirizzo e controllo. Per quanto riguarda i servizi alternativi, sottolineato che in positivo la città gode di un sistema integrato di trasporti e che, in negativo, ci sono problemi per il trasporto su gomma, è stato spiegato che la mobilità sarà garantita innanzitutto dalla linea 1 della metropolitana e dal potenziamento del 40% della frequenza del C16 che vedrà aggiungersi, dalla seconda decade di settembre, altre 3 vetture in modo da portare la frequenza a circa 10 minuti, misura giudicata insufficiente dal presidente Simeone che ha sollecitato misure più incisive. Per garantire la mobilità, inoltre, è stato variato il percorso del C28 e istituita una navetta in Via Palizzi. Avanzata anche la proposta (dal consigliere Langella) di valutare il contributo che per migliorare la mobilità può essere offerto dal taxi collettivo.
Nel corso della riunione sono stati anche affrontati i problemi della sicurezza legati ai cantieri di Piazza Garibaldi e alla rimozione dei binari del tram in disuso (consigliere Lebro) e di Via Marina (consigliere Esposito) nelle loro implicazioni con il sistema della viabilità, problematiche che il presidente Simeone si è impegnato ad affrontare in prossime riunioni ad hoc con il coinvolgimento degli assessori competenti e degli enti coinvolti, preannunciando che la Commissione intende svolgere la funzione di cabina di regia per affrontare tutti gli aspetti, che sono interconnessi, della mobilità, dei trasporti, delle infrastrutture e della viabilità, implicati nei numerosi lavori pubblici in corso in città.

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9337 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.