9 dicembre 2016

Roma, in chiusura il S. Lucia, Carabella: “Porteremo i malati sotto la Regione, Zingaretti è avvisato”

Ci risiamo, ancora tagli e ancora una volta a rimetterci sono i cittadini con difficoltà e le loro famiglie.  Per problemi economici vorrebbero chiudere il S. Lucia di Roma, polo di eccellenza nazionale per la riabilitazione neuro motoria.
In ambito nazionale è ormai attivo un meccanismo che punta a privatizzare molte cliniche statali, sarà così anche per il S.Lucia?

Quel che è certo è che la squadra di pallanuoto disabili e quella di basket in carrozzina sono state già chiuse e molti ragazzi che nello sport avevano trovato una ragione di vita si sentono persi.
Ed i ricoverati che nell’eccellenza del S. Lucia trovano l’unica speranza? E i loro parenti? E i Medici con gli infermieri che da anni offrono la loro professionalità e la loro esperienza?
Non lo permetteremo, il S.Lucia non chiuderà, martedi insieme ad Enrico Zaratti (Papà di Luana Zaratti il controllore Atac malmenato in servizio che al S. Lucia sta facendo una lunga riabilitazione) Paolo Rao ( zio di Chiara Insidioso ) Claudio Palmulli, Alfredo Iorio, Michel Maritato, Mario Pappalardo ed altri amici disabili partiremo dalla struttura alle 18.30 in carrozzina per arrivare al Divino Amore (10 km) con le fiaccole accese.
È l’inizio di una guerra, non ci fermeremo, basta soprusi nei confronti dei cittadini italiani, Zingaretti è avvisato.
A Settembre siamo pronti a portare malati e medici sotto la regione, si deve  trovare una soluzione è bisogna farlo ora, basta chiacchiere.  Il S.Lucia non deve chiudere e non chiuderà.

Martedì 9 Agosto, ore 18.30 partenza dal S. Lucia e arriveremo per le 21.00 al Divino Amore.

Simone Carabella.