9 dicembre 2016

Viterbo, nuovo corso di Dottorato in “Engineering for Energy and Environment” dell’Università della Tuscia: al via le domande

L’Università della Tuscia ha emanato il bando per l’ammissione ai corsi di dottorati di ricerca, il più alto grado di istruzione previsto nell’ordinamento accademico italiano che fornisce le competenze necessarie per esercitare attività di ricerca di alta qualificazione presso università, enti pubblici e soggetti privati. A partire da questo anno accademico, l’ateneo viterbese ha attivato un nuovo corso di dottorato internazionale in “Engineering for Energy and Environment”, con l’obiettivo di fornire ai dottorandi una visione interdisciplinare delle problematiche ingegneristiche nei settori dell’energia e dell’ambiente, caratterizzati da un elevato sviluppo tecnologico.  Il programma di dottorato, progettato dai docenti di ingegneria e di agraria dei dipartimenti DEIM e DAFNE, si sviluppa su due curriculum in “Energy and engineering systems” e “Biosystems and environment”. Si tratta di un dottorato con una forte connotazione internazionale, nel collegio dei docenti sono presenti professori di prestigiose università estere tra le quali Princeton University (USA), New York University (USA) e University of York (Gran Bretagna), e ricercatori di importanti centri di ricerca, italiani (E.N.E.A. e C.R.E.A.) e stranieri, come il Max Plank Institute (Germania), il CEA (Francia) e la Chinese Academy of Science (Cina). Significativi anche i collegamenti con il mondo industriale, con l’Associazione Italiana Pressure Equipment (AIPE) e la Fantini Sud di Anagni.

I dottorandi saranno coinvolti in attività di ricerca rivolte allo studio di soluzioni ingegneristiche, tecnologie di lavorazione e metodologie di indagine numerica e sperimentale innovative, con particolare attenzione al trasferimento tecnologico. I dottorandi saranno impegnati in attività di formazione e di ricerca in tematiche di avanguardia come i processi di conversione e di accumulo dell’energia nelle sue varie forme, la fusione termonucleare, la tutela dell’ambiente e dei beni culturali e le innovazioni negli ambiti della meccanica, anche agraria, della sensoristica, dei biosistemi e delle tematiche agricole, per quanto concerne la produzione primaria ed gli aspetti ambientali. I dottorandi dovranno passare almeno 6 mesi all’estero e dovranno aver pubblicato almeno due lavori su riviste scientifiche internazionali prima di poter discutere la tesi finale. In questo primo anno accademico l’Università della Tuscia mette a disposizione 6 borse di studio della durata di tre anni su “energy efficiency”, “diagnosis, prevention and conservation of cultural heritage against seismic and climate change events”, “experimental fusion machines”, “welding processes by means of TIG techniques”, “combustion generated key pollutants in the urban atmosphere” e “energy requirements for the Italian agricultural system”.

I dottori in possesso della laurea specialistica/ magistrale o di una laurea del vecchio ordinamento, oppure di analogo titolo accademico conseguito all’estero, potranno presentare domanda entro il 5 settembre secondo le procedure descritte nel sito web: http://www.unitus.it/it/unitus/post-lauream1/articolo/dottorati-di-ricerca- .Con questo nuovo corso di dottorato l’Università della Tuscia completa l’offerta formativa nel settore dell’ingegneria, che comprende la laurea magistrale in Ingegneria Meccanica e la laurea triennale in Ingegneria Industriale, il cui test di ammissione è previsto per il prossimo 12 settembre (www.unitus.it/testingegneria).

 

About Sara Mairaghi 1227 Articoli
Sara Mairaghi, chitarrista per passione e hobby, dopo aver lavorato come free lance per alcuni siti web, è approdata presso Il Tabloid Motori dove gestiva la parte social del sito. Vista la sua passione per qualsiasi tipo di evento festaiolo e alla moda, cinema e spetacolo, nel settembre 2014 ha preso in carico la categoria Intrattenimento ed Eventi de Iltabloid.it