6 dicembre 2016

Après il “Roma Africa Film Festival”

 

Premessa : la politica culturale.

La Seconda Edizione del “Roma Africa Film Festival”, rassegna del cinema africano, si è svolta, con grande successo di pubblico, dal 13 luglio al 16 luglio 2016. Sede potente del festival la Casa del Cinema, nella  cornice di Villa Borghese , per giunta a pochi passi dalla prestigiosa archeologia filmica a cielo aperto che è  via Veneto (qui “La dolce  vita” di Fellini compie gli anni…). Alla guida della rassegna varie personalità: Cleophas Adrien Dioma, Presidente del Festival, Antonio Flamini, Direttore artistico, Domenico Petrolo Direttore Generale. Tra le personalità delle ambasciate che sono intervenute prima della proiezioni, S. E. Fessehazion Pietros, Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario dello Stato di Eritrea in Italia , presente alla conferenza stampa  del 4 Luglio u.s., ha dichiarato: “Ringrazio gli organizzatori dell’iniziativa, i membri attivisti  del Festival. L’Africa è un continente vasto per culture ed etnie, che devono poter essere conosciute: questa iniziativa è importante perché promuove questo. L’Africa è descritta come un continente alla deriva senza futuro, invece  ha molto da dire per quanto riguarda il futuro, è stata culla di civilizzazioni sulle quali vanno fatte ricerche approfondite ma è anche stata  colonizzata dai paesi europei, la conoscenza dell’occidente dell’ Africa è importante, far conoscere i vari aspetti del nostro continente è importante, sostenere  accoglienza,  rispetto e  reciproca solidarietà è oggi più che mai fondamentale. Ringrazio “Casa Cinema” per aver promosso  i vari aspetti culturali dell’Africa. L’Eritrea partecipa con film, registi e attori. La cinematografia non è conosciuta, l’informazione che giunge in Occidente  non  è sempre vera: abbiamo dei problemi, ma, cerchiamo di miglioraci,  di dare un lavoro ai nostri giovani, un futuro migliore. L’Eritrea ha vissuto trent’ anni in guerra . La nostra economia attuale non è  una economia “di guerra” ma non è ancora di un paese “in pace”. Noi lavoriamo perché questa situazione venga superata, ci incammineremo insieme a tutti gli altri popoli”. Proseguono  Raffaele De Lutio, Direttore per i Paesi dell’Africa Subsahariana (MAECI), membro del Ministero degli Affari Esteri per la Cooperazione Internazionale ed Erino Colombi, Presidente del CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa) di Roma. Il Direttore Artistico , Antonio Flamini, spiega la logistica della manifestazione,  ponendo l’accento sull’ ampliamento dei posti nell’arena, all’esterno. Il  Direttore De Lutio afferma, inoltre, che “ Il Cinema Africano ha beneficiato  delle iniziative del Ministero  degli Esteri italiano. La cultura è un elemento centrale per diversi motivi:  l’ Italia ha svolto un ruolo importante in Africa Orientale, con  gli studi sul campo  in Eritrea, in Somalia; ma le manifestazioni più moderne come il cinema  vanno  sempre sostenute  per non restare indietro. Ad Addis Abeba  abbiamo attivato dei Seminari e  siamo in contatto con  il Ministero della Cultura Africana. Ci sono la volontà e la voglia, come Ministero degli Esteri,  di riagganciare e rilanciare il rapporto tra   Italia ed Africa, rivolgersi sia alle comunità africane in Italia, sia agli italiani che producono  in Africa. Ne siamo convinti:  il cinema è un mezzo di forte impatto. Anche cortometraggi e cartoni animati, tra i nuovi generi”. Il Presidente Adrien Dioma sottolinea  di aver  visto la comunità  eritrea molto dinamica e di essersi reso conto  di quanto è importante in questi momenti  capire il modo di agire delle persone. “Roma  è la città del cinema. Bisogna facilitare la politica e i rapporti commerciali”, conclude. Erino Colombi, presidente del CNA di Roma ringrazia gli ambasciatori che hanno dato vita alla manifestazione, gli sponsors per il loro generoso contributo, e afferma che la promozione della cultura, delle tradizioni, dei valori di un popolo è la maniere più valida  per far conoscere quel popolo ad altri popoli. Ribadisce  nel  suo intervento   che l’Africa è un continente vasto, non solo geograficamente con un contributo particolare offerto da ogni etnia e  cultura, preziosità che deve poter essere conosciuta dal pubblico italiano. Domenico Petrolo ribadisce che il Festival nasce dal voler raccontare un’ Africa diversa  e ci dice che  quest’anno ha aderito al Festival il  progetto “Circuito  Spazio Indie” assieme al CNA Roma. Il Circuito accoglie altri festival e promuove la conoscenza dell’ Africa  attraverso la diffusione dell‘ industria  audiovisiva e cinematografica  africana. A riguardo, Petrolo ha dichiarato che vi saranno, in futuro, tavole rotonde tra produttori e distributori  italiani e sudafricani : una vera e propria parte del festival legato al mercato audiovisivo patrocinato dal CNA  e  dalla Camera di Commercio di Roma, mettendo insieme le realtà produttive. “Pochi sanno che a San Lorenzo,  a Roma, c’è una scuola di animazione  sudafricana. Nella diplomazia culturale, quella  economica è un valore aggiunto”. 

IL FILM

Questo non è un paese per giovani!

“A Peine j’Ouvre les Yeux (Appena apro gli occhi canto per la libertà)”.

Regia di Leyla Bouzid.

Tunisi. Estate 2010. Poco prima della Rivoluzione dei Gelsomini. Inquadratura molto intensa per la spettacolare Farah ( Baya Medhaffar, talento cristallino): il suo viso  danza con quello del giovane che la bacia. Un loro compagno e una musica molto bella, interrompono questa poesia. Si attraversa la città  con i volti, solcati e stanchi, dei lavoratori, la metropolitana, corpi incastonati, il sangue  scorre nelle vene,  battiti cardiaci, autenticità, sobrietà. La casa della diciottenne Farah è una casa dignitosa,  bella. Una cameriera emette il tipico suono delle donne arabe e stringe a sè la “petite”. Arabo, francese e tunisino si alternano. “Trés bien”  dice il padre di Farah, un brav’ uomo, un padre amorevole ,che sa essere autorevole e non alza mai le mani sulla sua “petite”. I giovani amici della Farah si riuniscono, come tutti i giovani del mondo, in un bar, bevono birra e fumano.C’è pure l’ubriaco, con la sigaretta a metà in bocca, che cita versi in arabo, per l’incantevole fanciulla, motti, profezie. Siamo felici che non sia come il Santo Bevitore – quello del romanzo “La Leggenda del Santo Bevitore” di Joseph Roth – che ci inquieta e ci immalinconisce. Cantano tutti e si improvvisano danze. Canta soprattutto Farah, il piccolo usignolo dalla voce dirompente. La luce d’interno nella casa dei genitori di Farah è bella, è calda. “Eravamo idealisti, noi”, dice il padre di Farah carezzando la moglie. Un padre musicologo….e una madre, Hayet (Ghalia Benali, intensa e bravissima) che vuole Farah medico. Ma nessun litigio tra loro. Armonia dolce in un unico abbraccio.  Quand’ecco che   un informatore della polizia , che da sempre ama Hayet ,insidiandone il tetto coniugale, bussa alla porta  e le riferisce   che  Farah canta in una band. Questo non è bene, può essere pericoloso : la ragazza potrebbe essere messa sotto osservazione dagli inquirenti, pedinata   e molto  poi dipende da quel che si canta, dai testi scritti, prova impugnabile. Farah e il suo ragazzo Bohrène (Mottassar Ayari) hanno formato una band con altri: sono giovani in cerca di uno stile e soprattutto vogliono vivere  la propria vera vita. Ritmi ingenui, ma forti, tutto in diretta…. la batteria che picchia sodo, il basso si spertica,  l ‘usignolo Farah urla canzoni per il popolo, per il paese, citando il deserto, la luna, le stelle. Bellezza, questa sì grande bellezza, da stropicciarsi gli occhi. Nuovamente l’informatore, “Iago”di turno,  giunge alla casa dei genitori di Farah e  con maggiore insistenza informa Hayet   della possibilità reale che il nome della ragazza sia stato fatto in questura : e lui  può essere sia delatore che salvatore, a seconda di ciò che gli conviene.  La madre sente il pericolo, ed in una corsa pazza in auto urla alla figlia. “Non devi disonorarmi, smetti di cantare”. Un istante e si pente , avrebbe  voluto piuttosto urlare : “Ho paura per te”. Ma il desiderio dell’ usignolo è così forte che per andare alla serata dal vivo della sua band, chiude la madre in stanza  e  scappa. Va a cantare : “Il mio paese…il mio paese terra di polvere…Alza il volume…il volume”. Non è un grido di guerra. Tutti saltano ballano, il rock dell’usignolo. Felici. Torna con il capo chino. Sa che la madre le toglierà il saluto. Uno stacco tra una serata della band e l’altra e nuovamente si inquadrano visi di uomini, di operai. Un paese tra le celebrazioni del Ramadam e il funky- rock.  Bohrène scrive una poesia per musica che parla di una rondine, dedicandola al suo amore Farah, ma il giorno dopo ritarda alle prove. Sono tutti in allarme. Ma Bohrène riappare,il giorno dopo, nella saletta dello scantinato, e si getta contro un compagno della band, accusandolo di essere un informatore, gridando che è stato  picchiato dalla polizia, tutta la notte. La band continua a suonare, torna in scena la  sera stessa . Farah canta più forte che può …..ed è un successo. Madre e figlia sorridono, quando l’usignolo canta in strada e tutti applaudono: Farah canta per il suo popolo…ed il popolo applaude il suo cantore. Ma un giorno è Farah, alla fermata dei bus, che scompare. “Iago”- l’informatore – bussa di nuovo alla porta : dice  che la ragazza è  in un luogo segreto. No, non ce la facciamo a vederla tra due enormi uomini che le stanno addosso, e lei che si copre il volto, mentre la picchiano e le gridano “Togli le mani!!”. Anche noi ci copriamo la faccia, solo immaginare ci fa male. Viene liberata, probabilmente  grazie a “Iago”, l’informatore, che pur dice a Hayet  : ”Non è necessario che tu….”. Anche lui qui ama ed ha bisogno d’essere amato. Ecco dunque che l’ usignolo torna tra le braccia di sua madre: ora è lei a chiedere: “Canta… canta figlia..”. Le scritture si rovesciano,si rovescia tutto, le pietre lapidarie si rovesciano, le bocche di tutti i profeti tacciono. Sublime. Sceneggiatura esemplare, che ti guida, ti guida fino all’ultimo istante, nelle viscere di una storia possibile di un popolo, nella storia magistra vitae… trasformativa fino all’ultima goccia di nettare, coerente dall’inizio alla fine. La verità semplice. Il cinema necessario. Merci beaucoup.

Titoli di coda

Prodotto da Blue Monday Production, Propaganda Production, Helicontron.

Scritto da Leyla Bouzid e Marie-Sophie Chambon

Il Film ha vinto  il premio del pubblico alle Giornate degli Autori ne il Premio Label  Europa Cinema all’ultima Mostra di Venezia. Selezionato al  Toronto International Film Festival.

Baya  Medhaffar “Miglior promessa” al Lumières Awards

Francia Tunisia Belgio UAE

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 63 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.