3 dicembre 2016

Viñales domina il venerdì al Sachsenring

Il venerdì in Sassonia emette il primo verdetto della classe regina e Maverick Viñales, Suzuki Ecstar, è il dominatore della combinata. Bene Andrea Iannone, il pilota del Team Ducati tiene la freccia azzurra numero 25 e impone il suo crono davanti a Marc Marquez, Repsol Honda. Male invece le Yamaha ufficiali, Valentino Rossi è quattordicesimo e Jorge Lorenzo è sedicesimo.

La FP della massima cilindrata va in scena nel pomeriggio sassone, le condizioni meteo sono stabili dopo la costante minaccia della pioggia che ha segnato la mattinata. Il cielo resta nuvoloso, la temperatura è bassa e quando i protagonisti della massima cilindrata escono in pista le condizioni sono di asciutto.

Il primo tempo a referto è quello di Pol Espargaro, Monster Yamaha ma è subito battuto da giro di Maverick Viñales che mette a referto il crono di 1:24.149s. Il pilota di Figueres sembra particolarmente a suo agio sulla pista tedesca e nei passaggi successivi prova a migliorarsi fino all’ 1:22.804s. Gli fa eco e lo scavalca in testa alla classifica tempi Marc Marquez, 1:23.601s per il pilota HRC davanti a Cal Crutchlow, LCR Honda.

Per ora gli italiani sono in ritardo, il migliore è Andrea Iannone al tredicesimo posto. Il pilota di Vasto è stato il più veloce della mattinata e in queste fasi non sembra trovare il ritmo giusto ma si rifarà a breve. Dopo venti minuti è però il secondo pilota del team Ducati a mettersi nelle posizioni di testa, Andrea Dovizioso conquista la terza piazza provvisoria a 0,648s da Viñales, posizione poi presa dal numero 29. Valentino Rossi e Jorge Lorenzo in queste fasi sembrano in difficoltà, i piloti Movistar su M1 sono in basso alla tabella tempi con il Dottore che prova a risalire fino all’undicesima posizione e successivamente in nona.

Quando manca un quarto d’ora alla fine della FP2 a dominare la classifica tempi è sempre Viñales che nel frattempo è caduto alla curva 11, teatro di molte scivolate nel primo giorno tedesco e che costa la ghiaia anche a Tito Rabat, Estrella Galicia 0,0. Il numero 25 Suzuki è seguito dal leader iridato Marc Marquez, da Crutchlow e poi dalle due Ducati ufficiali. Rossi resta decimo mentre Danilo Petrucci, Octo Pramac Yakhnich, è ottavo e recupera fino al sesto posto quando il cronometro segna meno nove alla bandiera a scacchi.

Marquez è determinato e prova il suoi miglior passaggio segnando il nuovo crono da primato, 1:22.775s. Intanto al terzo posto sale il secondo pilota Suzuky Aleix Espargaro, sintomo che le moto di Hamamatsu sono molto competitive al Sachsenring. Ma Viñales non è pilota arrendevole, tutt’altro, e mette a segno ancora il miglior tempo, ricacciando il connazionale al secondo posto con il miglior passaggio della giornata: 1:22.471s. Il pilota HRC deve poi lasciare la seconda piazza anche a Iannone, che si mette a 0.220s dal primo crono con un giro praticamente perfetto.

Sventola la bandiera a scacchi e le posizioni restano queste. Dietro ai tre rimane Crutchlow seguito da Dovizioso. Le Yamaha ufficiali sono attardate, Rossi è quattordicesimo e Lorenzo sedicesimo a oltre 1.5s dalla vetta; ma anche la scuderia satellite Tech3 con Espargaro e Bradley Smith resta fuori dalle prime dieci posizioni. Per le moto di Iwata il GP di Germania inizia in salita. Nella top ten entra invece Petrucci, ottavo, a 0,892 secondi dal numero 25 Ecstar.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5928 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.