7 dicembre 2016

Pensioni d’oro, Cazzola: “Sentenza Consulta giusta date le circostanze”

L’economista Giuliano Cazzola è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

La sentenza della Consulta sulle pensioni d’oro. “La sentenza è giusta, è giusto il prelievo di solidarietà in questo caso –ha affermato Cazzola-. Io l’ho subito questo prelievo, ma credo sia giusto in base alle circostanze per cui è avvenuto. Essendo la pensione un riflesso del lavoro, se uno ha lavorato a lungo e versato parecchio, credo che sia giusto che continui a percepire una pensione alta. Nessuno si scandalizza se ci sono differenze retributive consistenti quando le persone lavorano, poi quando uno va in pensione scatta questo ‘dagli al pensionato d’oro’. Le regole sono più o meno quelle. Se poi si vuole cambiare sistema e avere una pensione di carattere pubblico più o meno uguale per tutti o proporzionata al reddito, allora è un altro discorso. Sarebbe un comunismo pensionistico. Penso che si debba istituire una pensione di base finanziata dal fisco, soprattutto per i giovani. Oggi discutiamo troppo dei pensionati e dei pensionandi, dovremmo cominciare a pensare a chi lavora”.
“Auspico che si prendano meno provvedimenti possibili per il sistema pensionistico –ha affermato Cazzola-. Auspico che le cose restino così e si arrivi a trovare una soluzione come quella del prestito, che risolve il problema senza comportare oneri eccessivi a carico dello Stato. Poi servirebbero misure per coloro che perdono il lavoro in tarda età e non riescono a trovarne un altro”.

Fonte: Radio Cusano Campus