8 dicembre 2016

L’Arte nel Cuore debutta al Brancaccio ed è standing ovation

Tutto esaurito ieri sera al Teatro Brancaccio di Roma che ha ospitato lo spettacolo “Zia Antonia, zio Peppino e la malafemmina“, interpretato dagli allievi diversamente abili e normodotati dell’Accademia l’Arte nel Cuore Onlus, diretta da Daniela Alleruzzo, conquistandosi una clamorosa standing ovation del pubblico presente.

Ospite d’onore dell’evento il Presidente del Senato, Pietro Grasso, che qualche mese fa aveva ricevuto una delegazione dell’Accademia e promesso che non sarebbe mancato allo spettacolo. Madrine della serata, la speaker radiofonica Rosaria Renna e l’attrice Roberta Giarrusso.

DANIELA ALLERUZZO E IL PRES. DEL SENATO PIETRO GRASSO E SIGNORALa rappresentazione, che si è ispirata alla celebre commedia cinematografica interpretata dal principe della risata, Antonio De Curtis e da Peppino De Filippo, è stata arricchita da un testo di denuncia e sensibilizzazione contro la violenza sulle donne e dedicata a Sara Di Pietrantonio.

 “Con Zia Antonia, zio Peppino e la malafemmina termina un percorso didattico incentrato sulla commedia napoletana, il cui valore artistico è riconosciuto in tutto il mondo” – spiega la presidente Daniela Alleruzzo “in particolare, abbiamo voluto affidare allo spettacolo un messaggio importante di denuncia sociale contro gli stereotipi, per ribadire mai più violenza sulle donne”.

L’adattamento, realizzato da Emiliano De Martino, regista dello spettacolo insieme a Marta Iacopini, ha lasciato intatta la storia originale, dando allo spettatore la possibilità di godere di momenti di musica, danza e sketch di un tempo passato ma sempre attuale. Coreografie a cura di Maria Isabel Rincon, Maria Isabel Galloni e Maria Luigia Meoli. Scenografia di Pasquale Cosentino e costumi di Annalisa Di Piero.

Nel parterre: Claudio Santamaria, Luna Berlusconi, Marina Larosa, Alex Pacifico e Cristian Marazziti. Lo spettacolo è realizzato grazia al sostegno di SIAE, POSTE ITALIANE, L’OREAL ITALIA, SISAL, EXXON MOBIL, BCC ROMA, RDS, CNB COMUNICAZIONE